adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.5 - OTTOBRE 2011

                     31/10/2011 - TARIFFA IGIENE AMBIENTALE

<<<

Considerazioni e riflessioni sulla Tia (Tariffa di Igiene Ambientale)


N
egli scorsi mesi ai cittadini di Pelago, Pontassieve e Rufina, è arrivata la fattura relativa all’acconto della TIA primo semestre 2011. La fattura in acconto è calcolata con le tariffe 2010 che di seguito riportiamo.

Comune di Pontassieve
Componenti il nucleo familiare Tariffa al mq.
Parte fissa Tariffa parte variabile per nucleo familiare
1 1,61 16,49
2 1,76 29,69
3 1,91 37,94
4 2,06 46,18
5 2,19 47,83
Maggiore di 5 2,30 56,08
Comune di Pelago
Componenti il nucleo familiare Tariffa al mq.
Parte fissa Tariffa parte variabile per nucleo familiare
1 0,96 57,84
2 1,05 104,11
3 1,13 133,03
4 1,22 173,51
5 1,30 208,22
Maggiore di 5 1,37 237,13
Comune di Rufina
Componenti il nucleo familiare Tariffa al mq.
Parte fissa Tariffa parte variabile per nucleo familiare
1 0,92 46,76
2 1,01 84,17
3 1,09 107,56
4 1,18 140,29
5 1,25 168,35
Maggiore di 5 1,32 191,73

Entrando nel merito di queste tariffe emergono le seguenti considerazioni:
Per gli aumenti praticati sulla parte fissa si passa da un più 5,22% di Pontassieve, al 6.67% di Pelago e al 27,77 di Rufina, mentre per la parte variabile gli aumenti sono stati: più 10,67% di Pontassieve, più 10,95% di Pelago e meno 5,34% di Rufina. Dato riferito ad un componente familiare. La stessa proporzione di aumenti, e diminuzioni è stata prevista anche con un nucleo familiare di 2, 3, 4, 5 persone.
Inoltre, come si noterà dalle tabelle sopra indicate dei tre comuni, il Comune di Pontassieve anche per il 2010 e per il 2011 ha riconfermato che “relativamente alla parte a carico dell’utenza domestica, prevede l’effettuazione del calcolo della tariffa trasferendo il 70% della parte variabile sulla parte fissa”. Questo porta un evidente svantaggio per il cittadino di Pontassieve. Inoltre diventano ridicole le agevolazioni e riduzioni, previste per motivi economici, o per la presenza nel nucleo familiare di un portatore di Handicap, o invalido al 100%. La differenza fra i cittadini del territorio si è ancora più accentuata in quanto il comune di Rufina sta applicando le agevolazioni sull’intero importo della fatturazione TIA (parte fissa + parte variabile).
Per questo la formulazione attuale della T.I.A. discrimina fortemente e in un modo incomprensibile i cittadini di Pontassieve da quelli di Pelago e Rufina. E’ necessario che si vada ad applicare le agevolazioni sull’intera tariffa, anziché sulla sola parte variabile, come già effettuato da altri comuni, oltre che da Rufina, serviti da AER spa.
Una nota a parte riguarda anche le utenze non domestiche che con questi aumenti talmente consistenti sta creando difficoltà ad alcune attività commerciali.
Su questo è emblematico il comune di Pontassieve che nel solo 2011 ha tre volte variato la Tariffa di igiene ambientale, “la nuova tariffa di riferimento” e il Piano Finanziario 2011, 2012, 2013, passando da € 3.659.166,00 del 15.03.2011, a € 3.747.552,00 del 28.06.2011 e a € 3.812.699,00 del 27.09.2011 con un aumento di € 153.533,00.
Questo ulteriore aumento è dovuto all’attivazione del progetto delle calotte elettroniche già in funzione a Sieci e dal 31.10.2011 ai Villini di Pontassieve.
Su queste nuove modalità di conferimento del rifiuto vengono spontanee alcune riflessioni che però non riguardano solo il comune di Pontassieve:
a) Se si aumenta la raccolta differenziata del rifiuto, si dovrebbe in qualche modo avere un contenimento dei costi. Invece si assiste ad un continuo aumento delle tariffe, il cittadino non vede nessun beneficio del suo impegno per la raccolta differenziata dei rifiuti, come avviene in altre realtà d’Italia. Inoltre questi nuovi progetti dovrebbero essere a costo Zero;
b) Per diminuire i rifiuti si dovrebbe intervenire a monte, sul confezionamento dei prodotti, attraverso interventi legislativi, con azioni delle Regioni e delle Amministrazioni Comunali ed anche delle forze politiche;
c) Constatato che i Comuni della Val di Sieve e del Valdarno, sono proprietari della AER spa ed è una società pubblica, sarebbe opportuno che nella tariffa di riferimento venisse cancellata la voce – “Remunerazione del capitale investito”, rispettando i risultati referendari del 12 – 13 giugno 2011;
d) Inoltre i Comuni proprietari della Aer spa, dovrebbero attivarsi per una seria politica di riduzione e contenimento dei costi, in quanto anche nella nostra zona la crisi morde pesantemente e tutti questi aumenti – compreso quello dei rifiuti - stanno diventando insopportabili.
Alcune di queste nostre considerazioni e proposte ormai si ripetono da diversi anni. Forse il Palazzo ha altro a cui pensare, resta il fatto che il Piano Finanziario e la Tariffa di igiene ambientale, non vengono elaborati dai comuni, ma da AER spa e qui forse sta il problema e il conflitto di interesse.
Giovanni Casalini