adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.5 - OTTOBRE 2011

                     31/10/2011 - ANCORA GELMINI

<<<

LA GELMINI HA COLPITO ANCORA

Qual è la stagione migliore per partorire leggi e decreti vergognosi e sciagurati? Si, avete indovinato: è l’estate! Tanti misfatti sono stati perpetrati a danno di noi cittadini, ed anche quest’anno...
Non indovinerete, però, di che cosa voglio parlare. No, non ci potreste arrivare mai. Si tratta dei bibliotecari della scuola pubblica. Certo, pubblica, non privata, quella non si tocca, la si aiuta e la si agevola comunque, sempre e comunque. I bibliotecari sono insegnanti dispensati dal servizio perché hanno patito, in qualche misura, una riduzione della loro efficienza lavorativa. Naturalmente per motivi di salute: che ha perso la voce, chi ha gravi problemi nervosi, chi ha un rene in meno, capita, si, o ultimamente, chi ha avuto un tumore. Può capitare anche di averne avuti due e di essere stati operati più volte, come è già successo a qualcuno.
In questi casi, maestri o professori, l’anima d’insegnante resta intatta, la voglia di insegnare pure. Quello che si modifica è l’energia, la forza, la resistenza fisica. Ma la passione, il “vizio” di insegnare, quello no, non te li toglie nessuno. Stare con i ragazzi, accompagnarli nella crescita, curare la loro evoluzione, queste meraviglie no, non ce le toglie nessuno.
A questo punto ritorno alle prime righe di questo discorso, cioè ai provvedimenti vergognosi e sciagurati: qualcuno ha pensato proprio di toglierci questa meraviglia, appunto: il ministro dell’istruzione, però sembrerebbe essere stata consigliata da qualcuno che di scuola non se ne intende (oddio, per la verità nemmeno lei), che pensa solo al risparmio ed al bilancio.
E così hanno adottato questo bel provvedimento, che, in breve, ha come fine ultimo quello di eliminare i bibliotecari (mangiapane a ufo e imboscati) e li manda a lavorare, finalmente!!
Dove? Ma in altre amministrazioni. A far che? Questo non si sa, amministrativi, hanno scritto. Finalmente renderanno qualcosa. Peccato che non sanno fare nulla come amministrativi, gli insegnanti sanno fare solo gli insegnanti: di italiano, di storia, geografia, ma anche di scienze. Va bene, ma sono particolari irrilevanti. E se saranno costretti ad usare il computer? Molti di loro non lo sanno fare. E va bene, impareranno. Ma che servizio faranno? Certo, non di qualità come quando erano insegnanti bibliotecari. Quello era il loro mestiere, l’hanno fatto per tanti anni, affinato dall’esperienza e dal contatto con i ragazzi. Ma se saranno mandati lontani dalle loro sedi di esperienza? Beh, viaggiano in tanti e viaggeranno anche loro, e poi possono sempre prendere in affitto una stanza. Ma, alla loro età? E con le loro condizioni di salute? Pazienza, un certificatino ogni tanto non si nega a nessuno...
In conclusione: servizio scadente, insegnanti comandati quando da sempre un lavoratore sceglie una sede, risparmi ridotti all’osso perché i bibliotecari sono pochi, biblioteche deserte e lasciate in balìa di se stesse, insegnanti con precarie condizioni di salute trattati come mentitori e scansafatiche.