adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - DICEMBRE 2011

                     22/12/2011 - E.T.

<<<

Il Diario di E.T.

12.10.2011 La città di Milano ha avuto, nella sua Chiesa, negli ultimi decenni, due grandi Pastori: il card. Martini ed il card. Tettamanzi. Nella speranza che molti sappiano “Molto” del primo che, per un povero cristiano quale io mi sforzo di essere, combattendo e soccombendo ogni giorno, non fu eletto papa, quando era il momento, certo per una piccola, anche se impossibile distrazione delle Spirito Santo ed una grande e possibile opposizione della Curia Romana; del secondo riporterò queste parole, pronunciate nell’omelia della Domenica delle Palme: “Perché molti agiscono con ingiustizia, ma non vogliono che la giustizia giudichi le loro azioni? Perché tanti vivono arricchendosi sulle spalle dei paesi poveri, ma poi si rifiutano di accogliere coloro che fuggono dalla miseria e vengono da noi chiedendo di condividere un benessere costruito proprio sulla loro povertà?
In questi stessi decenni, incurante della presenza di questi due grandi uomini, Milano ci ha regalato Berlusconi, Formigoni, la Minetti, Penati, don Verzè, e la Compagnia delle Opere vero forziere del “Partito di Dio” (o di Mammona? Ecc. ecc.)
E così è diventata da capitale morale, la capitale IMMORALE d’Italia! E lasciamo da parte la padania, una volta per tutte, per favore!

13.10.2011 Ho pensato in questi giorni alle parole pronunciate dal card. Bagnasco in una recente assemblea della CEI: “Comportamenti licenziosi, va purificata l’ARIA”!
Mi è venuto in mente il versetto del Salmo: “Buono e pietoso – il Signore, LENTO ALL’IRA e grande nell’amore”. Tutto vero, grazie a Dio; ma possibile che ci siano voluti vent’anni alla Chiesa per capire chi è Berlusconi? O c’erano altri, ma non esternabili motivi, a far da freno?

22.10.2011 Il P.D. ovvero “L’arte di annacarsi” ovvero “La confraternita dei furbi – astuti”.
Nel dialetto siciliano, che io amo come del resto tutta l’isola ed i suoi scrittori in particolare, da Verga a Pirandello, da Sciascia a Camilleri ecc. ecc. esiste il vocabolo “naca” che in italiano vuol dire culla. Ora, nel palermitano, da questo vocabolo nasce un verbo “ANNACARSI” che significa, approssimativamente, fare “il massimo movimento col minimo dello spostamento”. La culla, infatti, si fa dondolare, piano o più forte, a destra o a sinistra, ma solo impercettibilmente si sposta avanti o indietro, spesso involontariamente.
Nella “naca” del PD, i rottamatori spostano il peso da una parte, i nostalgici della balena bianca (leggi Fioroni ed altri amici) dall’altra. Ma questi due movimenti non fanno avanzare: diatribe sull’età e su una vetero unità dei cattolici servono solo a chi le promuove. Chi abbraccia Marchionne “senza se e senza ma”, e chi lavora per riabbracciare a tutti i costi gli amici di Totò Cuffaro invece che quelli di Angelo Vassallo, non Riforma né si Riforma. Si allontana sempre di più, per scopi o personali o di lobby, da un disegno, da una visione che metta al centro i bisogni della gente, l’uomo. Cosa che il resto del PD si sforza di fare, ma con voce flebile, soffocata troppo spesso dai rituali di una politica consumata o dalle cariche, o da poteri piccoli o grandi che siano.
Infatti si agita, ma non avanza. SI ANNACA. (A proposito: perché il partito si è comportato così, quasi di nascosto, nella raccolta delle firme per il Referendum anti Porcellum – 1.200.000, mica una -? Gli iscritti si diano una risposta).
∙∙∙∙
I furbi – astuti sono quei politici che per raggiungere il loro scopo, buono o cattivo che sia, preferiscono usare scaltrezza e prontezza di riflessi piuttosto che competenza e professionalità, non parliamo poi di spirito di servizio! Ne vedo un bel po’ nel mio partito, quasi una confraternita. NON OCCORRE AVERE UN OCCHIO DI LINCE. Questo, lo deve avere chi è chiamato a valutarli, in ogni senso, sempre. Specie ai massimi livelli: il caso Penati è esemplare.
Restano poi, ultima ratio, gli elettori, quelli che devono, appunto, Eleggere. Cioè, scegliere: cosa che oggi, con l’attuale legge elettorale, NON possono fare. APPUNTO!

10.10.2011 Dovesse caso mai rinascere la Balena Bianca, spero di avere la forza di impugnare la fiocina del Capitano Achab!

12.10.2011 Oggi è l’anniversario della scoperta dell’America, il Columbus Day. E se fosse iniziata da lì, la GLOBALIZZAZIONE?
Ieri La Repubblica ha impiegato DUE pagine per elencare ed illustrare i prossimi appuntamenti delle diverse anime (o correnti o gruppi) dei democratici (!?): i Modem a Roma ( ma cosa mai possono avere in comune Veltroni e Fioroni? Qualcuno me lo spieghi!); Bersani prima a Firenze e poi all’Aquila, Renzi a Firenze col Big Bang preso in prestito da Jovanotti, Civati e la Seracchiani a Bologna, altri …..dappertutto. Chi sa dirmi dove sarà quel che resta del progetto originario del Partito Democratico? Dove il suo futuro? Sarà stato tutto lavoro sprecato? Spero di no: un partito vero sta col suo Segretario e lo cambia, quando è il caso.
Mi assale comunque la nostalgia dei tempi dell’Ulivo e del Primo governo PRODI e la rabbia per chi lo fece cadere, compagni ed amici in primis! Ma, “de mortuis nisi bonum”! Ma è dura, ancora oggi. Intanto mi leggo l’articolo di R.P. sul Messaggero della domenica ed ascolto le sue lezioni agli studenti universitari di Bologna il martedì sera su La7. Come mettersi ossigeno nel cervello e nel sangue e riacquistare speranza, purchè non sia pronta a spegnersi al sorgere del nuovo giorno.
26.10.2011 Mi sono promesso di non commentare alcuna delle riunioni di cui sopra; pèrchè io credo che quando si sta in un partito ci siano luoghi ed occasioni ben definite per esprimere e fare valere le proprie idee e poi prendere atto delle decisioni che da quegli incontri scaturiscono, democraticamente. L’anarchico, o il rivoluzionario, seguono le loro piste, che possono anche portare più lontano. Ma non si servono di strutture portanti definite da altri per raggiungere scopi personali. E qui mi fermo.
Temo di non essere adatto a partecipare ad “orge politiche” di “quarantenni scatenati”. A ciascuno il suo tempo! Eh già! “Vivere non è facile”! (Vasco).

27.10.2011 Nessuna deriva verso il centro – moderato. La politica, caro D’Alema, non è solo “aritmetica”. Io penso questo: In Toscana governa il Nuovo Ulivo e mi pare governi al meglio, date le attuali contingenze. Quel Nuovo Ulivo che ha vinto a Milano e a Napoli e che io credo possa vincere anche in Italia; occorre credere e lavorare per questo. Se le decisioni dovessero essere diverse, ci sarebbe ampio spazio per gli opportuni ripensamenti.

28.10.2011 ore 17,00
All’Istituto Balducci di Pontassieve, ho appena ascoltato una “testimonianza” di Rita Borsellino, sulla voglia di Legalità. Sono state due ore emozionanti, sicuramente per me e spero anche per i numerosissimi studenti presenti. Questa donna, tanto “semplice” quanto “formidabile”, alla fine mi ha anche fatto capire quanta verità ci sia quando diciamo che non è vero che siamo – politicamente – tutti uguali. Infatti, noi abbiamo mandato all’Euro Parlamento Rita Borsellino e “loro”, Iva Zanicchi! E poi quell’italiano scandito, ma con una velatura di dialetto ….. Per persone come Lei, “annacarsi” sarebbe un delitto! Buone feste e ….
Good night and good luck!