adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.1 - FEBBRAIO 2012

                     8/3/2012 - Tekel Dn 8,27

<<<

“Date ai vostri figli ed ai vostri maiali tutto quello che chiedono, avrete ottimi maiali e pessimi figli”, ho riesumato questo vecchio proverbio per esplicitare ciò che penso dopo aver letto uno degli articoli riportati sul n°10 del periodico dell’Amministrazione Comunale.
L’articolo citato ci racconta come un gruppo di giovani che frequentano la “Croce Azzurra” delle Sieci abbia proposto di acquistare un pulmino da utilizzare per gli spostamenti nelle notti fiorentine: Croce Azzurra e cittadini, con il patrocinio del comune di Pontassieve, hanno organizzato una serie di eventi per raccogliere i denari necessari.
Fermo restando che ognuno ha un suo modo di vedere le cose, credo che i genitori dei ragazzi, la “Croce Azzurra” e l’Amministrazione Comunale abbiano dimostrato di voler rinunciare alla loro prerogativa di educatori: soprattutto hanno rinunciato ad educare alla responsabilità. Mi spiego….. se andare a divertirsi può essere o diventare pericoloso, perché questi ragazzi devono andarci per forza? E se vogliono proprio andarci debbono assumersi le loro responsabilità o non riusciranno mai a diventare uomini, vuol dire che torneranno presto, non berranno….
Il compito degli adulti è talvolta difficile “Metti sulla loro strada (dei giovani) educatori capaci di guidarli ad affrontare le scelte che gli attendono” (preghiera dei fedeli 18/12/11);essere genitore o associazione di volontariato o pubblica amministrazione vuol dire essere educatori ”l’educazione ha fallito così come fallisce, magari in contesti meno drammatici, quando un adulto dà, più o meno coscientemente, le dimissioni dalla propria responsabilità di educatore” (Toscana Oggi n° 46)
Io credo che i giovani abbiano un grande compito, sono le nostre speranze per un mondo migliore “Non abbiate paura del futuro, il futuro siete voi” (Giovanni Paolo II), ma per creare un mondo migliore ci vogliono uomini e donne veri, adulti, responsabili; forse, per far crescere questi “discotecari” sarebbe opportuno mandarli, per qualche mese, insieme ai loro coetanei che operano in Afganistan, in Libano o a far servizio in un lebbrosario in Brasile, “Gli adolescenti si comportano da bambini, quando non sono trattati da adulti” (La Settimana Enigmistica n°4159)
Per gli adulti consiglio di leggere l’articolo” Se le serate dei giovani finiscono al pronto soccorso” (Toscana Oggi n°01 8 gennaio 2012) e, all’interno dell’articolo, l’intervento sull’educazione giovanile di Paolo Padoin, Prefetto di Firenze; vale la pena ricordare che il rapporto adulti - giovani è un problema vecchio quanto il mondo e forse leggere il brano relativo ai rapporti generazionali del libro VIII del “De Repubblica” di Platone (429-347 a.C.) può aiutarci a riflettere.

Hanno colpito ancora: l’abbonamento a mamma RAI è aumentato sino alla bella cifra di 112€ ! E’ mai possibile che nessuno abbia niente da dire? In Italia ci sono più di 25milioni di abbonamenti, se moltiplichiamo tale numero per 112 abbiamo una cifra notevole (molto notevole), possiamo e dobbiamo chiederci dove vanno a finire questi soldi visto che la RAI è sempre in perdita e visto che le altre “televisioni” non fanno pagare il canone e fanno pure dei programmi allo stesso livello della RAI. Ma la RAI è una mamma e una grande famiglia: infatti ci lavorano intere famiglie, genitori e figli, sorelle, fratelli, nonni e nipoti, è una azienda incredibile: ha sedi fisse in tante nazioni, se succede qualcosa (in qualsiasi parte del mondo) partono tre squadre di lavoro, una per ogni rete, ci leggono i comunicati sindacali dei dipendenti (e questo è potere) ci leggono i necrologi dei dipendenti (come se i loro morti fossero più importanti degli altri cittadini), è il “quinto potere” di cui aver paura. Ma la RAI ha bisogno di soldi, di tanti soldi, informatevi su quanto ha preso il caro Gianni Morandi e quanto hanno preso le sue “spalle” per i tre giorni del festival di Sanremo 2011 e quest’anno si ripeterà il miracolo (per loro) e scenderà pure su Celentano, la RAI paga stipendi molto, molto alti…….

La sistemazione di piazza Boetani di Pontassieve a me non piace…., forse non ho il senso del bello, ma l’asfalto color marrone è veramente ridicolo e non ci incastra niente con la pavimentazione del borgo. La cosa che più mi ha stupito è ciò che hanno fatto alla fontana; povera fontana (molto bella) è stata spostata in fondo alla piazza, dipinta di bianco (incredibile) ed è stato fatto un muro che la nasconde alla vista. L’intelligenza media vorrebbe che un manufatto di uso pubblico (fontana) fosse posto bene in vista (come era prima) affinché i cittadini lo trovino facilmente e lo utilizzino. Ci può essere qualcuno che fa proposte di questo strano tipo (lo spostamento della fontana, la pittura, il muro), ma spetta all’Amministrazione Comunale decidere sulla loro fattibilità, anche tenendo conto che l’Amministrazione agisce sempre in nome e per conto dei cittadini e spende sempre soldi dei cittadini. Non vorrei che gli amministratori e i dipendenti comunali si fossero scordati che i loro datori di lavoro (quelli che li pagano gli stipendi) sono i comuni cittadini e che ogni loro azione dovrebbe tener conto dell’interesse e delle scelte dei cittadini. Già 2000 anni fa si erano accorti che un bene di uso pubblico non deve essere nascosto “Nessuno accende una lucerna e la mette in luogo nascosto o sotto il moggio, ma sopra il lucerniere, perché quanti entrano vedano la luce” Lu 11, 33.
V. B.