adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2012

                     7/5/2012 - ITALO 1

<<<

HO VISTO PASSARE ITALO!
Di Fernando Romussi

Si! Pochi giorni fa ho visto passare, in anteprima al suo lancio, Italo sui binari dove ormai dal 2010 passa il TAV nazionale di RFI: il Freccia Rossa/Argento. L’ho visto passare sui binari in superficie tra le case di Firenze alla stessa velocità di circa 60 all’ora come fa l’altro. Bello, lucente nella sua livrea “rosso granata” con le scritte Smart (3^classe), Prima (2^ classe) e Club (1^ classe). Proprio come viaggiavano tanti tanti anni fa sulla linea storica del Frejus, studenti e lavoratori pendolari verso Torino: tre classi con i sedili di legno nella 2^ e 3^ classe e senza riscaldamento.
Com’è cambiato il mondo del trasporto ferroviario da allora! Come sono migliorate le carrozze moderne per meno del 10% dei viaggiatori: sedili in pelle Frau, Train Manager, Hostess ma con tariffe affatto Low Cost come propagandato. Un modo veloce, moderno e confortevole di viaggiare per i businessmen, giustamente: il tempo è denaro.
Peccato che per questo tipo di trasporto di lusso “liberalizzato” i quattrini li abbiamo tirati fuori noi dal 1991 ad oggi e altre decine di MILIARDI di EURO saranno pagati dai nostri figli e nipoti per rimborsare le Banche che hanno finanziato le Ferrovie per costruire l’opera da Napoli a Torino.
Peccato che nel frattempo siano scomparsi i treni interregionali e ridotti al lumicino i treni per i pendolari. La tabella che segue parla da sola.

Investimenti nelle Ferrovie negli ultimi anni:
€ 98MILIARDI così suddivisi:

ALTA VELOCITA’ : € 94 Miliardi=96% con
300.000 Passeggeri = 10%
• RETE NAZIONALE e REGIONALE:
€ 4 Miliardi= 4% con 2.600.000 Passeggeri = 90%
90 % di Pendolari: Studenti-Lavoratori-Professionisti-Cittadini Sud/Nord

Bene e ora che il danno è fatto con il beneplacito di tutti i Governi che si sono succeduti e che la linea del TAV è completata da Sud a Nord e che la mungitura è terminata, occorre essere creativi per continuare a prendere soldi dallo Stato e garantire profitti alle Società e ai Gruppi organizzati che ti supportano. E così ci inventiamo Grandi Opere quali:
1 - il famoso Corridoio 5: la Torino-Lyon con 57 + 57 Km di gallerie. Due corsie separate: non come tra Firenze e Bologna, dove si sta oltre mezz’ora in un’unica galleria con due binari.
2 - il sottoattraversamento TAV di Firenze con due gallerie di circa 8 + 8Km. Questo fu deciso dagli Amministratori locali del tempo (contro il parere delle ferrovie) e tuttora perseguito senza remore dagli attuali eletti al governo locale.
1 - TAV Torino-Lyon - Avevamo smesso di scrivere sull’argomento “TAV e Val di Susa”, in quanto le vicende degli ultimi mesi avevano preso da sole le prime pagine dei giornali e, anche della TV.
Per chi da anni conosce le ragioni affatto scientifiche del SI al TAV e le contrasta in coscienza con argomenti tecnico/scientifici inattaccabili, non si è stupito della presa di posizione del Presidente del Consiglio Mario Monti a favore dell’opera. Tre sono le ipotesi perchè abbia affermato che l’opera è prioritaria e fondamentale per lo sviluppo e la crescita del Paese:
a - LUI ha avuto SOLO il parere degli interessati all’opera, e allora lo hanno ingannato ed è in buona fede;
b -Nella sua condizione di semiricattato, NON poteva smentire le posizioni di PD,PDL,UDC senza correre il rischio di far cadere il governo. In parlamento un solo voto CONTRO: un ex fascista siciliano.
c - Fa parte della lobby che usa il denaro pubblico per le cosiddette Grandi Opere per finanziare imprese, controllate, partecipate e banche che hanno solo più questo metodo per continuare ad accaparrare risorse pubbliche per continuare a macinare utili e …altro;
d - esiste un’altra ragione strategica che non può essere menzionata e ci si nasconde quindi dietro spiegazioni confutabili facilmente. Nel mondo scientifico quel documento ha causato innanzitutto imbarazzo, perché il testo prodotto dal “tecnico” Monti «affastella affermazioni approssimative, errate, e soprattutto – questa la cosa più grave – prive di fonti e studi verificabili a loro supporto».
Ai 14 punti che il Governo ha elencato a favore dell’opera è stato risposto con una precisa e dettagliata replica di ben 24 pagine da parte del Comitato NOTAV della Val Susa, supportata da pareri di un team di esperti nei diversi campi scientifici. http://www.notav.info/wp-content/uploads/ANALISI-DOCUMENTO-GOVERNO-28.03.12.pdf
Secondo il team tecnico della Comunità montana Valli Susa e Sangone, i 14 punti appaiono “affrettati, superficiali, parziali e qua e là inesatti; in ogni caso mancano i riferimenti agli studi che dovrebbero esserne la base e che, se esistono, continuano a essere coperti da segreto di Stato”. Ne citiamo solo alcuni. Il riferimento alla riduzione delle emissioni di gas serra e ai benefici ambientali dell’opera non è credibile, in quanto la letteratura scientifica internazionale attribuisce a opere simili pessime prestazioni energetiche e qui si afferma il contrario senza fornire un’Analisi del Ciclo di Vita (LCA).
Si dice una grande falsità quando si afferma che i francesi sono già molto avanti con l’opera. Di là delle Alpi sono stati eseguiti sinora SOLO tre tunnel geognostici, del tipo di quello ancora da iniziare a Chiomonte, dopo oltre 8 mesi di occupazione militare e abusiva del territorio. In verità in Francia è in corso un Debat Public con la partecipazione dei cittadini e il piano di lavoro di LTF (società franco-italiana) prevede che da quando si inizierà a forare la montagna a quando la linea sarà terminata da Torino a Lyon, passeranno 23 anni!! Quindi se si iniziasse ora l’opera sarebbe completata nel 2035! Un’opera pensata 20 anni fa e con dati di traffico merci ipotizzati altissimi, mentre i dati attuali parlino di declino dell’asse EST-OVEST e presentano un continuo incremento al Gottardo e al Sempione (asse NORD-SUD). Il tunnel Frejus, benché ultimato nel 1871, a differenza di quanto affermato al punto 8 “dove non entrano i containers oggi in uso per il trasporto merci” è invece stato recentemente ampliato per consentire proprio il passaggio di container a sagoma GB1 (standard europeo), spendendo poco meno di 400 milioni di euro. Non è chiaro perché il collaudo tardi ancora o, se c’è stato, perché permangano i limiti preesistenti ai lavori. Viene utilizzato da due treni TGV francesi e per meno del 20% della sua potenzialità. Si dice nessun rischio ambientale: ma nella zona del tunnel geognostico, nel 1970 l’ENI fece ricerche per verificare la presenza di Urani. Misurazioni recenti confermano che quella zona è la nostra miniera d’Uranio…..

(segue su da ITALO 2)