adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2012

                     1/7/2012 - 25 APRILE

<<<

UNA RICORRENZA INTOCCABILE
Di Mauro Messeri


25 Aprile 1945. Con la liberazione di Milano, si concludeva la “Campagna d’Italia”, tra le più violente della II Guerra Mondiale. Dopo Montecassino la vittoria finale degli eserciti alleati appariva certa. In pochi mesi gli Anglo-americani avevano già preso possesso della intera pianura padana. La guerra in Italia era virtualmente finita. Migliaia di prigionieri tedeschi demotivati e senza speranza si avviavano verso la Germania in un caos indescrivibile.
Ciò che interessa noi italiani fu la spinta non indifferente di potenti organizzazioni partigiane presenti e estremamente utili per la conoscenza dei luoghi degli scontri. Ad essi va la riconoscenza dell’Italia per aver riscattato moralmente e materialmente anni di dittatura e Tribunali speciali istituiti dal fascismo.
L’intero paese pagò duramente la sciagurata alleanza con la Germania Nazista e il guerrafondaio impero Giapponese. Stragi di popolazioni inermi, fucilazioni di prigionieri, ad ancora altro sangue. E’ per questo che le popolazioni si riversarono nelle strade ad accogliere questi giovani che aiutavano a liberare l’Italia dalla dittatura. Il volto sorridente e sereno dei vincitori con l’inconfondibile odore del dopobarba di cui era dotato ogni militare. Anche per noi bambini la visitina agli accampamenti USA, significavano pane bianco e cioccolate. Ricordo perfettamente tutto ciò; avevo sei anni e sono le prime immagini che un bambino recepisce.
Dieci anni dopo o poco più a Firenze vidi le manifestazioni per la ricorrenza del 25 aprile. Vidi marciare in testa al corteo chi veramente lottò in galera rischiando la vita. C’erano Sandro Pertini e Riccardo Lombardi colonne del socialismo, cattolici come Enrico Mattei e Giorgio La Pira, con Giuseppe Dossetti.
I comunisti erano rappresentati dal Comandante partigiano del CLN Luigi Longo.
Questa era solo una parte di coloro che governeranno l’Italia.
Nel dopoguerra iniziò subito la ricostruzione dei principali servizi pubblici. In altra sede si discuteva per varare la Costituzione repubblicana.
Doveroso un ricordo riverente per coloro che hanno dato la vita per la libertà.
E’ anche a nome di queste persone che mai acconsentiremo all’abolizione del 25 Aprile.