adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2012

                     1/7/2012 - Terremoti

<<<

TERREMOTI, TERREMOTI...E ANCORA TERREMOTI

Ogni volta che c'è un terremoto in Italia o anche in altri luoghi di questo nostro prezioso pianeta speriamo che sia l'ultimo sapendo dentro di noi che non lo sarà... E’ una realtà quella del sisma che è difficile da accettare. E chi la accetterebbe direte voi. Giusto, però ci sono, ci saranno, perché la terra si è sempre mossa e sempre si muoverà. Tutti immagino hanno studiato la deriva dei continenti, tutti sappiamo che milioni di anni fa gli attuali continenti erano un unico continente...poi via via ci sono state le fratture; l'Africa e l'America del sud ad esempio si sono staccate in modo coincidente, ce ne sono altri di esempi comunque sia tutte le così chiamate placche o zolle si allontanano e di conseguenza si avvicinano (visto che la terra è una sfera) ad altre zolle. Noi ad esempio siamo spinti dalla placca africana che comprime quella europea, la frattura è in Calabria, una frattura che va fino all'Anatolia... Si parla di pochi millimetri ogni anno di compressione ma accumula primo o poi arriva il terremoto.
L’Africa si sposta e in qualche punto avviene il movimento che scarica questa forza a chilometri di profondità. Chissà dove... Dobbiamo andare indietro nel tempo per sapere se in passato c'è stato in quel luogo un sisma, ma questo però non è sempre vero può darsi anche che le forze del sottosuolo si scarichino in un altro posto. Un bel problema! Comunque come fare per cercare di essere più sicuri e di non finire sotto le macerie? Anzitutto costruire in maniera antisismica, come in Giappone ad esempio, terra martoriata dai continui terremoti, stanno peggio di noi, ma per le costruzioni sono più avanti semplicemente perché il problema se lo sono posto e di conseguenza lo hanno risolto.
Vi parlo da Architetto che si è sempre trovato per legge nel dover pensare (come tutti i colleghi che lavorano in zona) ad avere a che fare con una zona sismica di secondo grado cioè dove i terremoti sono previsti non ai massimi livelli ma comunque forti. E in Emilia che è successo? Avete visto come le travi sono scivolate sui pilastri senza i dovuti attacchi? Tutto perché si riteneva la zona tranquilla... Abbiamo visto il grave errore e adesso si pagano le conseguenze. Direi a questi punti di considerare l'Italia zona sismica senza esclusioni di zone non a rischio... L'uomo oltre a tutti i pericoli che deve affrontare per sopravvivere si aggiunge anche questo. Siamo nati per gioire ma anche per soffrire, ricordiamocelo.
Alberto Trifoglio