adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.4 - AGOSTO 2012

                     10/9/2012 - PARCO CURIEL

<<<

PARCO COMUNALE DI PONTASSIEVE
Pace fatta fra Amministrazione Comunale, Cittadini, Comitato “difendiamo il campino” e Associazione Curiel?
L’oggetto del contendere è stata la proposta di costruzione di un nuovo campo da tennis avanzata dal Curiel per consentire l’ampliamento dell’attività sportiva del settore tennis. Ma la costruzione del nuovo campo da tennis nell’area del campino avrebbe tolto spazio a tutta l’area attrezzata per giochi e tempo libero.
Proteste dei cittadini interessati, nascita di un comitato contro la nuova sistemazione, incontri e scontri (sia pure verbali e civili).
La vicenda sembra adesso avviata a felice conclusione con la posizione espressa dall’Amministrazione Comunale nella recente assemblea pubblica di presentazione del bilancio di previsione 2013. Il Sindaco Mairaghi e gli assessori Fini, Pasquini, Marini indicano infatti una nuova soluzione che prevede la sistemazione del nuovo campo da tennis nell’area comunale adiacente al parco adibita a magazzino comunale ed oggi in parte dismessa.
Se questa soluzione sarà confermata e se sarà praticabile e realizzabile in tempi brevi, il problema del campo tennis è risolto.

Il Parco Comunale di Pontassieve
A differenza della frazioni del Comune di Pontassieve, il capoluogo non dispone di un parco comunale in regola con le aspettative di chi cerca un punto di riferimento e di incontro.
Non è che manchi il parco, manca un progetto che dia vita all’esistente. Quello che c’è e cioè il cosiddetto “campino” riesce a malapena a soddisfare le esigenze dei più piccoli con un modesto parco giochi. L’area gestita dal Curiel, tenuta in ordine con grandi difficoltà e tanto volontariato, manca di strutture e spazi per diventare un vero luogo di aggregazione.
Il parco si presenta in regola quanto a localizzazione e sistemazione ambientale, ma questo non basta per essere un punto di riferimento e di incontro. Purtroppo progetti ne sono stati fatti tanti, ma nessuno ha mai avuto la caratteristica di rispondere veramente alle esigenze della cittadinanza. Ed allora basta con esercizi verbali e astratti, basta promesse non realizzabili, si pensi ad una sistemazione del campino adeguata ad un vero centro di attrazione e di incontro. Poi un po’ per volta, insieme alle Associazioni, si potrà realizzarlo.
Abbiamo ormai esperienze concrete che ci dicono che a Pontassieve non ci sono altri luoghi spendibili come area ricreazionale-aggregativa. Non ha queste caratteristiche il parco fluviale, né le montagnole di piazza Mosca. Magari un progetto attento potrebbe mettere insieme queste realtà perché insieme potrebbero costituire un percorso completo. I cittadini di Pontassieve, specialmente del capoluogo, giovani ed anziani, hanno veramente necessità di trovare un luogo dove stare.
Le prime cose da fare
Con una sola frase – mettere in sicurezza il parco – si intendono molte cose, alcune delle quali hanno a che fare con i comportamenti ed il rispetto verso le cose e gli altri, senza escludere che potrebbero sussistere anche situazioni più difficili. La cosa riguarda da vicino tutti noi, molti frequentatori sono giovani del nostro territorio che non vogliamo vedere coinvolti in episodi spiacevoli o peggio in episodi perseguibili anche penalmente.
Infine bisogna sempre ricordare che il parco è contornato da abitazioni ed anche attività che necessitano di quiete almeno nelle ore notturne. Non sempre ciò è possibile per quello che possiamo vedere e per quello che ci viene riferito dai residenti.
A tutte queste cose legate alla sicurezza si deve porre rimedio subito. Cominciamo magari a stabilire un orario di chiusura del parco nelle ore notturne, come da tempo richiesto, come pure a mettere in essere una adeguata sorveglianza quale strumento di dissuasione. Serve un impianto di videosorveglianza? Bene, ormai siamo video sorvegliati comunque e sempre. Manca solo di sorvegliare il campino, cosa aspettiamo?
A.F.