adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.5 - OTTOBRE 2012

                     15/11/2012 - TRAMONTANA

<<<

Spira un vento d’Europa in Val di Sieve

La redazione di Laburista notizie riceve e volentieri pubblica il seguente comunicato stampa dell’Associazione La leggera, Centro di Ricerca e Documentazione sulla Cultura Orale – Val di Sieve

Tramontana, o Tramontano, è il vento freddo che spira da Nord in direzione Sud e sferza le valli spazzando i cieli dei nostri Appennini, ma anche dei Pirenei Francesi e della regione di Lafões in Portogallo, le tre aree pedemontane e montane di lingua romanza rappresentate nel Progetto “Rete Tramontana” il quale, classificandosi al 19° posto su 318 proposte ammesse e 112 selezionate per tutta l’Europa Unita, ha ottenuto l’approvazione e il co-finanziamento al 50% della Direzione Generale Educazione e Cultura dell’Unione Europea. Un progetto costruito dal basso da 7 associazioni culturali, per l’Italia: La leggera (Val di Sieve), Bambun (Gran Sasso Teramano), Lem-Italia (Lingue d’Europa e del Mediterraneo); per la Francia: Nosauts de Bigòrra (capofila del progetto, regione di Bigorra), Numériculture-Gascogne (Guascogna), Eth Ostau Comengés (Comminges); per il Portogallo: Binaural (Beira Alta). In quasi due anni, fino al 31 dicembre 2013, tutti i partners, attraverso centinaia di interviste alla popolazione, si impegneranno a vigilare sul rispetto delle diversità e delle integrità dei rispettivi territori, per la salvaguardia delle memorie (quelle rurali) e la promozione delle identità e dei patrimoni immateriali, con l’obiettivo di preservare memorie del paesaggio e delle comunità e di utilizzare i materiali raccolti come strumenti per l’educazione, la valorizzazione del soggetto e lo sviluppo dei territori stessi. Il gruppo comprende e mette insieme risorse e competenze linguistiche, antropologiche, etnomusicologiche, etnocoreologiche, artistiche e del paesaggio sonoro. Quattro forum: il primo in Francia, il secondo in Abruzzo, il terzo in Portogallo e l’ultimo, quello conclusivo, in Toscana (Val di Sieve), segnano le tappe del progetto quali occasioni per condividere e divulgare fasi e risultati del lavoro. Un sito web comune sarà lo strumento per diffondere documenti audiovisivi che raccontino e facciano conoscere i territori coinvolti sotto altri punti di vista, magari anche a beneficio di nuove forme di turismo responsabile. Il Progetto ha già ottenuto il Patrocinio morale del Ministero Italiano per i Beni e le Attività Culturali, il sostegno dell’Unione di Comuni Valdarno e Val di Sieve, quello dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino e del Comune di Dicomano, oltre all’adesione della neonata Foresta Modello delle Montagne Fiorentine. Dal 25 giugno al 2 luglio scorsi una delegazione dell’Associazione La leggera ha partecipato al I° forum in Guascogna (Francia), dove ha incontrato il Responsabile Cultura del Parco Nazionale dei Pirenei Francesi e ha tenuto due conferenze pubbliche sulle tradizioni contadine e montane in Val di Sieve e Casentino. La stessa delegazione era presente dal 23 al 30 settembre passati al II° forum in Campania (S. Marco dei Cavoti) e Abruzzo (Fano Adriano) per una serie di incontri pubblici tra i partners del progetto, docenti dell’Università e delegati dei parchi nazionali e delle aree naturali protette di ciascun territorio rappresentato nel progetto (per la Val di Sieve la Foresta Modello delle Montagne Fiorentine e il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna). I principali argomenti d’indagine del progetto sono le relazioni tra l'uomo e il proprio territorio, l’ambiente, la toponimia, la montagna, il sacro, gli animali. Tra i primi piccoli risultati c’è la trasmissione radiofonica Tramontana, curata da Luis Costa e Manuela Barile dell’Associazione culturale portoghese “Binaural”, dedicata alle attività del progetto con il contributo delle associazioni partners. A partire dal 4 agosto il programma va in onda tutti i sabati pomeriggio sulle frequenze portoghesi di RádioLafões. Paesaggi sonori, racconti, canti, musiche e testimonianze varie si intrecciano per narrare le tradizioni orali della regione di Lafões e degli altri territori italiani e francesi. In particolare nella seconda parte della 4° puntata del programma, andata in onda lo scorso 25 agosto, sono stati protagonisti la Val di Sieve e il Casentino con una selezione di registrazioni audio facenti parte l’Archivio sonoro di ricerca de “La leggera”. Storie, sonate da ballo, befanate, marce religiose e formule magiche hanno forse fatto conoscere meglio al pubblico portoghese questa parte di Toscana. Per ascoltare la 4° puntata e tutte le altre trasmesse finora basta cliccare uno dei seguenti link:
http://soundcloud.com/binauralmedia/tramontana-radio-lafoes-04
http://www.binauralmedia.org/news/pt/media/radio
Normalmente la Tramontana porta il sereno, almeno qui da noi, speriamo allora che questa “ventata” sia un ulteriore incoraggiamento affinché la Val di Sieve cominci a rivalutare seriamente le peculiarità del proprio patrimonio ambientale e culturale verso altri e nuovi modelli di sviluppo.
Filippo Marranci