adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.5 - OTTOBRE 2012

                     15/11/2012 - AMERICANI

<<<

Giocare agli americani
Di Eriprando Cipriani

Qualcuno se ne ricorderà, altri lo avranno appreso come un fatto storico: la vittoria nel duello alla tv fu uno dei motivi della vittoria di Kennedy contro Nixon nel 1960. Tale risultato fu ottenuto anche grazie ai riflettori che, spietatamente, rivelarono sul volto del repubblicano “l’ombra delle cinque del pomeriggio”, quel velo nero che resiste alla più accurata delle rasature.
Oggi, Romney sembra aver guadagnato molti punti su Obama grazie all’ottima performance in occasione della sfida televisiva del 3 ottobre. Interessante è il commento di Sergio Romano sul Corriere della Sera di due giorni dopo: “Di fronte a un centinaio di persone, il rigore di Obama sarebbe stato più convincente degli argomenti con cui Romney ha sostenuto che i ricchi sono tanto più bravi, nell’interesse del Paese, quanto meno vengono tassati. Ma di fronte a una platea composta da milioni di elettori la sua ricetta è parsa migliore di quella dell’avversario.” C’è da pensare che non sia questo il tipo di confronto che premia il buon senso.
Seguendo la politica della Gran Bretagna, si può constatare che il nuovo uomo di punta del Partito Conservatore sarà probabilmente il sindaco di Londra Boris Johnson. Ha in mente qualche straordinaria ricetta anti-crisi? No. È un grande istrione e piace all’elettorato (o dovremmo chiamarlo pubblico?), anche in virtù della grande visibilità ottenuta grazie alle Olimpiadi tenutesi nella sua città.
Naturalmente, pensando a situazioni analoghe riguardanti il nostro Paese non può non venire in mente una famosa frase di Berlusconi, sparata guardando in camera con aria da vecchia volpe del palcoscenico. Era il 3 aprile 2006. L’ultima battuta del testa a testa con Prodi mediato da Vespa fu: “La sinistra vuole aumentare i valori catastali degli immobili e triplicare le tasse sulle case: per noi la prima casa è sacra, come è sacra la famiglia. Per questo aboliremo l'Ici sulla prima casa. Avete capito bene: aboliremo l'Ici su tutte le prime case, quindi anche sulla vostra". La promessa non gli valse la vittoria, ma resta un esempio lampante di cosa era divenuta la politica-spettacolo ai tempi del berlusconismo.
Siamo a un anno dalla caduta del Berlusconi IV, con Monti ben piantato a Palazzo Chigi senza aver sfidato nessuno né vinto contro alcun concorrente mediatico-elettorale. Ciò dovrebbe aver ormai reso lampante che certi scimmiottamenti del mondo anglosassone non hanno senso nel quadro istituzionale italiano. Forse sarebbe il caso di prendere atto che non abbiamo bisogno di duelli, ma della possibilità di scegliere parlamentari di nostro gusto, dai quali aspettarsi le leggi che vorremmo e l’appoggio a governi che facciano il nostro interesse.
Eppure, non si sente parlar d’altro che della sfida Renzi-Bersani, dei corteggiamenti a Casini o Vendola, dei distinguo di Di Pietro, delle sparate di Grillo, del ritorno di Berlusconi. E c’è anche chi vorrebbe che si candidasse Monti. Ma candidarsi a cosa? È già senatore a vita, e in Italia si votano, guardacaso, i parlamentari.
Ma è davvero così divertente giocare agli americani?

Eriprando Cipriani