adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.1 - FEBBRAIO 2013

                     18/2/2013 - DIALOGO SULLA PITTURA

<<<

ANNI ‘50/’60

Siamo arrivati alla vigilia del 1960. L’informale sta esaurendo la sua carica liberatoria e provocatoria. Per questo il surrealismo sembra oggi sollecitare l’immaginazione dei giovani. Il panorama dell’arte attuale è troppo frammentario. La rapidità delle comunicazioni e dell’informazione fa oggi dilagare le mode nel giro di pochi mesi. Spesso bruciandole, e l’artista passa come una meteora sotto le vesti di sperimentatore, attento a quanto accade negli altri paesi, a volte anche interessato sul piano economico. Ma è difficile fare un discorso chiaro. Perché?
Nell’antichità ci sono state le scuole con i loro caposcuola, adesso invece l’individualismo è tale che ognuno sta come in un grande giardino, piene di piante. Gli artisti hanno però in comune certi miti. Se all’inizio del secolo, fino all’ultimo dopoguerra, Parigi rappresentava il grande sogno di ogni pittore, adesso i punti di riferimento sono diventati New York, Dubai, Londra e Tokio. In un primo tempo, i leaders internazionali, erano romantici e informali Pollock, Tobey, Gorky, Rothko, giunti a noi attraverso le biennali del dopoguerra. A mezzo secolo di distanza, sulla scia del dadaismo di Duchamp, hanno dato il via all’arte pop, dilagata anche nel nostro paese. D’altro canto, gli italiani più ambiziosi, preferiscono esporre negli Stati Uniti, per tornare con un prestigio già consacrato. Adesso, il mercato italiano ha acquistato un peso molto importante. Un tempo, i collezionisti erano pochi, audaci e stravaganti. Oggi il collezionismo, è diventato una consuetudine diffusa in tutte le categorie sociali. La grafica si è sviluppata enormemente, perché dà modo di compiere i primi passi anche al collezionismo giovane e di mezzi modesti. Tuttavia, in questi anni, si è registrato il risveglio della provincia, entrando in gara con le città più importanti.
Oggi occorrono gli artisti che sappiano portare avanti un discorso valido, dopo anni di affannosa e ancora indeterminata ricerca. G. U.