adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - APRILE 2003

                     29/5/2003 - MORTI SULLE STRADE

<<<

Alberto Trifoglio
I MORTI SULLE STRADE


Ogni anno i morti sulle strade sono migliaia, lo scorso anno ho sentito per radio circa novemila, e sappiamo tutti che ogni anno saranno circa questi! C'è da riflettere e non poco. Il Papa una volta disse che il nostro inferno è sulle strade, credo proprio che in questo caso abbia ragione. Ma quali fari accesi, ma quali limiti di velocità, è ormai acquisito che questa tragedia che noi viviamo tutti gli anni non si è riusciti a fermarla e non soltanto noi ma anche gli altri paesi industrializzati. Che fare? Privarci dell'auto? Togliere la patente agli indisciplinati? Fare la patente a punti? Come si può fare a fermare questa strage che avviene in continuo mietendo morti più di una guerra! Dipende credo purtroppo solo dall'individuo che guida, il quale deve avere la coscienza di accellerare quando lo ritiene necessario e di frenare quando crede meglio, ma purtroppo credo che sia una cosa che non si può controllare almeno per adesso, anche perché è stato pensato di tutto, air bag, cinture, vigilanza maggiore il sabato sera ma a sentire le notizie purtroppo la strage non si ferma! Ci vorrebbe una campagna promozionale maggiore e più intensiva per ricordare che in un incidente non si rischia la patente ma la vita nostra e degli altri, ma se ricordo è stata fatta anche questa e i risultati non ci sono stati. Speriamo che qualcuno abbia a cuore questo problema anche su insistenza di comitati che sono nati da persone che hanno perso dei propri cari sulle nostre strade ma non solo con le parole ma anche con i fatti, mi sembra che l'attuale ministro dei trasporti abbia fallito. Avanti il prossimo.