adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.4 - GIUGNO 2014

                     13/7/2014 - RENZI SOCIALISTA

<<<

Renzi: “inconsapevolmente”riformista socialista?
Di Rino Capezzuoli

Sarà il fatto che qualche riforma l’ha messa in campo, sarà il fatto che il paese non parla più solo di Berlusconi e delle sue veline, sarà che in mezza giornata è riuscito a far entrare il PD nel PSE, sarà il fatto che sta cercando di rinnovare questo paese, ma indubbiamente Renzi merita fiducia e gli italiani con il voto del 25 maggio gliel’hanno data.
IL 40% non si prende per caso in un paese come l’Italia, ma è anche vero che gli Italiani non sono poi così coglioni come la vecchia politica li voleva far apparire ed appena se n’è presentata la possibilità l’hanno presa al volo. Così come quando in una situazione del tutto diversa (ci volle Pertini ed i portuali di Genova…), nel 1960 Nenni fece il primo centrosinistra, con grandi speranze per il paese, poi pian piano vanificate dalle resistenze del paese “occulto” e retrivo. Dobbiamo evitare che la storia si ripeta.
Il paese per sopravvivere deve cambiare, ha bisogno di riforme, di idee fresche e della loro attuazione. Le resistenze ci sono ancora oggi a destra come a sinistra (anche se i muri sono caduti?...). La destra si è frantumata grazie alla longevità di Berlusconi ed alla sua incapacità di rinnovarsi e cedere il bastone del comando. La sinistra si è raccolta sotto l’ala di Matteo Renzi ed aspetta di vedere cosa succede. La burocrazia degli apparati è però in agguato ed in allarme e farà di tutto per mantenere i suoi privilegi insieme agli apparati economici e politici clientelari ed occulti che la sostengono, puntando sulla mancanza di cultura politica di parte degli italiani a cui i soliti burattinai (Grillo e lega...) al momento opportuno grattano la pancia. Sarà decisiva la battaglia per le modifiche istituzionali dello Stato a cominciare da cosa resterà del Senato… più che dalla legge elettorale, ma anche contemporaneamente la lotta al malaffare ed i casi Expo e Mose ne sono un esempio positivo.
In questo paese fortunatamente si può ancora arrestare un generale della Guardia di Finanza ed un deputato, anche se ancora non si riesce a far emergere con chiarezza le connivenze tra mafie apparati dello stato e politica. Nel 1961 e negli anni successivi vinsero gli apparati che frenavano il rinnovamento del paese e poi si passò al terrorismo, di cui rimangono oscure ancora oggi le trame, e successivamente a tangentopoli.
Oggi c’è l’Europa e c’è l’euro, mancano ancora parte degli europei e manca “l’unità organica”, ma il processo sarà inarrestabile anche se richiederà i tempi necessari a sviluppare tali processi.
In Italia si sta tentando di mettere in movimento un riformismo ed un rinnovamento molto simile al riformismo socialista di quegli anni, naturalmente con gli opportuni aggiornamenti, ma soprattutto c’è una consapevolezza maggiore della necessità di cambiamento che non può andare delusa e Renzi questo lo sa, come lo sa bene tutta la dirigenza PD vecchia e nuova, che deve comunque trovare un assestamento politico ancora da definire. Si andrà verso una federazione della sinistra dai 5 stelle all’UDC? Rimarrà solo il PD? Trasformandosi come il Partito democratico americano in un grande contenitore dove tutti i progressisti hanno diritto di convivere?
Nascerà un grande partito socialista europeo in cui si ritroveranno tutte le forze progressiste del continente. Oppure l’esperimento di Renzi sarà destinato al fallimento trascinando l’Italia e l’Europa e tornerà a vincere la destra?
La sfida è aperta, vincerà chi riuscirà a sorprendere per capacita attuativa per originalità, per aggregazione di consenso ed il socialismo ha molte possibilità concrete da mettere a disposizione dell’Italia di domani.
Rino Capezzuoli