adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - DICEMBRE 2014

                     15/12/2014 - ORLANDO MATERASSI ALLA LEGA CICLISMO

<<<

Il Pontassievese Orlando Materassi è stato eletto nella
Presidenza Nazionale della Lega Ciclismo della Uisp.


Orlando Materassi nato e sempre vissuto a Sieci, dall'11 Ottobre è stato eletto nella Presidenza Nazionale della Lega Ciclismo della Uisp.
Com'è arrivato questo incarico?
Un percorso che inizia nel '90 da dirigente Uisp, prima in Valdisieve dove, finita l'esperienza di Assessore al Comune di Pontassieve, fui chiamato dal Presidente del Comitato Uisp di Firenze per dar vita alla Delegazione Uisp in Valdisieve.
Nel '98 vengo eletto Presidente del Consiglio Territoriale del Comitato Uisp di Firenze fino al Congresso del 2004.
Nel 2002, conclusa l'esperienza in Valdisieve vengo chiamato al Comitato di Firenze per dar vita all'area sociale, assumendo la presidenza della Uisp Solidarietà.
Poi col congresso del 2012 vengo eletto Presidente della Lega Ciclismo di Firenze, per poi assumere anche la carica di vice presidente regionale, ed essere eletto nel Consiglio Nazionale.
Dal mese scorso entro a far parte della presidenza.
Ed il ciclismo quali valori può esprimere?
Cominciamo col dire che il ciclismo è lo sport sicuramente il più popolare rispetto ad altri.
E sicuramente il ciclismo amatoriale è lo sport col quale è nata la Uisp, ma oggi abbiamo una immensa occasione di crescita e di innovazione, pensando alla bicicletta come strumento del tempo libero, del benessere psico-fisico per salutari stili di vita, per la valorizzazione del territorio, per una mobilità sostenibile.
I nostri riferimenti non possono essere più soltanto le società sportive, ma soprattutto le Istituzioni locali, gli Enti e tutto il movimento associativo.
E soprattutto i cittadini. Nel 2013 i tesserati al ciclismo Uisp in Italia sono stati oltre 42.000, ma ci sono 5 milioni di persone che vanno in bici 3 o 4 volte la settimana. Nel 2001, i ciclisti erano il 2,9 % della popolazione adulta, ora sono il 9%. Negli ultimi due anni la vendita di biciclette ha superato l'immatricolazione delle auto. Sono dati su cui occorre riflettere, dai quali partire per creare nuove opportunità e progetti innovativi attraverso l'uso della bicicletta.
Ciò implica riuscire anche a far emergere una cultura diversa riguardo a come si va in bicicletta, alla sicurezza degli stessi ciclisti rivendicando percorsi protetti non solo con piste ciclabili, ma mettendo in sicurezza le strade carrabili con una segnaletica più adeguata sul modello dei Paesi del Nord Europa.
C'è poi la questione della formazione e dell'educazione alle quali stiamo già lavorando soprattutto coinvolgendo bambine e bambini.
Poi c'è la questione doping. Troppi atleti nel campo amatoriale che fanno uso di sostanze dopanti per vincere un prosciutto. Un migliaio complessivamente in Italia, una trentina di nostri tesserati.
Cosa fate per contrastare questa situazione?
Negli anni passati la Uisp ha fatto e sta facendo tuttora campagne di sensibilizzazione per uno sport pulito, che non riguarda solo il ciclismo ma tutti gli sport, e se andiamo a vedere i dati del Coni o del Ministero della salute ci sono altri sport in cui ci si dopa più che nel ciclismo. Ma questo non deve essere assolutamente una scusante. Anzi, dobbiamo fare un ulteriore sforzo di concretezza per abbattere questo cancro mettendo in atto anche decisioni che possono apparire impopolari.
In questo la Uisp sta facendo la propria parte. Per la CNC (Consulta Nazionale del Ciclismo) dove ne fanno parte tutti gli EPS e la FCI, chi viene condannato per uso di sostanze dopanti non gli viene rilasciata la tessera agonistica ma solo quella di cicloturista. Noi, la Uisp siamo andati oltre, da noi qualsiasi persona che incorra in una condanna per doping non ha più diritto di avere nemmeno la tessera di socio non praticante.
Mi rendo conto che è una decisione forte, ma in questo momento sicuramente necessaria per dimostrare alla gente che noi facciamo sul serio.
Accanto a questo c'è l'impegno a promuovere campagne di prevenzione insieme alle Istituzioni, ma come ripeto cercando di far passare idee innovative che vanno oltre l'uso della bicicletta come solo strumento sportivo.
Quali sono i programmi in Valdisieve?
In Valdisieve nel 2014 abbiamo 7 società affiliate con 247 atleti.
Abbiamo organizzato granfondo cicloturistiche, raduni e gare sia su strada che sullo sterrato, biciclettate diurne e notturne, iniziative per giovanissimi.
Per il 2015 stiamo definendo i programmi e la Valdisieve sarà sicuramente protagonista, riproponendo eventi già collaudati e definendo nuovi progetti, in primis una settimana ciclistica Uisp in Valdisieve dal 25 Aprile al 3 Maggio coinvolgendo società sportive, Enti Locali, operatori turistici e commerciali.
Altro tema forte sarà il progetto della pista ciclabile dal The Mall di Leccio fino ad arrivare a Sieci.
Per questo progetto abbiamo già dato la nostra disponibilità con idee e mettendo a disposizione tutte le nostre strutture associative e del volontariato.
Per il 2016 stiamo già definendo la possibilità di far svolgere il Campionato Italiano di ciclocross a Pontassieve.
Tutto questo grazie alla collaborazione delle nostre società affiliate e all'impegno dei loro dirigenti, soci e atleti, un ricco patrimonio associativo e sicuramente una grande ricchezza del territorio.
G.C.