adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - DICEMBRE 2014

                     15/12/2014 - SINISTRA

<<<

Sinistra: metti una sera, a cena.
di Giuseppe Masi

Una domenica passata in libertà, necessaria, da solo, tra giornali e libri; computer e Tv a portata di mano. L'ideale loft per le idee, le riflessioni ed il riordino delle aspettative. C'è il telefono che squilla. Una carissima amica che m'invita a cena così esco prima e magari passo a sapere cosa ha fatto il mio "Ponte" che oggi gioca in trasferta. Perfetto! Scelgo un disco di John Coltrane ed ecco un altro squillo; è un vecchio amico, un "compagno di strada" che spesso mi trova al suo fianco soprattutto se ci sono da fare quelle interminabili discussioni che spesso fanno far tardi: musica e donne, moto e politica.
Tanta politica e società. Filosofie di delusi ed amareggiati dalla Sinistra che tuttavia rivendicano orgogliosamente davvero l'essere "di" Sinistra e traditi da “questa” Sinistra. Una discussione sui campi Rom di Bologna, immigrazione e Lavoro che ha necessitato l'ausilio di Skype sia per il prezzo degli scatti che per la salute che i telefoni, se usati troppo, insidiano.
Chiacchiere appassionate anche quando inevitabilmente si parla della nostra Pontassieve, poi il mio interlocutore mi chiede cosa ne penso del nuovissimo CDA dell'Aer, sul quale lui ha dei dubbi su eventuali conflitti d'interesse del Presidente e sulla "riabilitazione" di ex assessori pomposamente scaricati nella fase delle elezioni primarie del Sindaco, Monica Marini, alla quale va il merito, equamente diviso con il suo "competitor" Samuele Fabbrini, di aver aperto le finestre del Palazzo e rivitalizzato lo scenario politico di Pontassieve, restituendo davvero la speranza del "Cambia passo", che è il titolo del primo mandato della nuova e giovanissima Giunta, guidata dalla Marini che, seppur con soli 13 voti di differenza, ha ottenuto, alle primarie, la guida di Pontassieve, città dove risiede financo il Segretario Nazionale del Pd e Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi.
Un po’ come se fosse stata nel ’94 la città di D'Alema e Berlusconi, ricordate? All’amico quindi confesso quello che penso dicendogli che il carrozzone dell'Aer è un costo per la città, quindi ha un prezzo per i Cittadini, ma che è servito, privatizzando il servizio, a sgravare orrendi bilanci economici e d'esercizio delle precedenti Amministrazioni. Poi è servito anche come dorata alternativa agli ex amministratori.
Il mio interlocutore tuttavia ci tiene a farmi sapere che l'ex assessore sta nel CDA a titolo gratuito, quindi senza gettone; io propongo all’ex di fare di più: semplicemente rinunciare! Azzardo pure la composizione di un CDA ipotetico che, per contro, prevede tutti politici ed un tecnico, il tutto a costo zero. Efficacia ed efficienza! Si prendono i Sindaci dei Comuni consorziati ed il tecnico più autorevole dell'Aer e, si badi bene, nel prezzo del loro stipendio gli si conferisce anche questo compito, che peserebbe un paio o tre di Consigli annui. Costo zero per i Cittadini che già vivono come vessazione la Tari di recente immissione e costo zero per l'Aer che con il medesimo sistema risparmia sui suoi (e nostri) bilanci e comunque solo in questo caso si può perfino modificare il mansionario, in tempi dove la politica non si oppone ma anzi, per me e noi, rivendica leggi del Lavoro che prevedono demansionamenti e pratiche flessibilissime che il polettiano Jobs Act norma.
Ecco fatta una spending rewiew! A costo zero per i Cittadini che mai sono stati considerati i veri (proprietari) della città di Pontassieve e, se è vero che si "cambia passo", casomai intesi non più come sudditi ma come soggetti dei quali la politica sta al loro servizio, mentre i programmi politici, che votiamo senza averne mai letto uno, risolvono e sostituiscono il voto ideologico che dal dopoguerra ha caratterizzato i governi a Pontassieve, poi trasformato in voto "contro", prima la Dc ed il suo potere clerico-fascista, poi Berlusconi, fino all'eventuale voto che probabilmente si farà con Matteo Renzi.
La questione del voto locale è sempre stata poco analizzata altrimenti sapremmo con certezza se votiamo per ciò che fanno a Roma, oppure a Pontassieve.
Se davvero le entusiastiche parole delle recenti campagne elettorali, primarie e secondarie, sono sempre quelle, allora si "cambi passo", ad esempio, nelle politiche cimiteriali, facendo sì che a partire dalla vecchietta con la sua risicata pensione, che deve accudire e pregare su più tombe familiari, venga risparmiata la gabella, esosa, delle lampade votive (io ne ho 4 sui 113€ annui), che troppo frequentemente crea difficoltà, mettendo, come in certi Comuni del Casentino, pannelli solari che forniscono gratis l'alimentazione alla lampada votiva dei propri cari magari, guadagnandoci con la vendita di energia del surplus prodotto e regalandoci un messaggio di disciplina ambientale d'indiscutibile valore.
Già, loro non devono però aver dato per trent’anni al profitto di un privato il nostro bene comune. Un primo passo per riprendersi quanto più Comune possibile. Poi la finiamo qui con la nostra chiacchierata ed accendo la Tv. C'è RaiStoria che trasmette un commovente lungometraggio su Sandro Pertini. Sarà il fato, ma almeno così mi preparo alla cena di stasera con nobili ulteriori motivazioni, che non guastano.