adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - DICEMBRE 2014

                     15/12/2014 - NOTE A MARGINE

<<<

25.09.2014 – N.a.m. di un ritrovato carteggio fra Piero Gobetti e Filippo Turati.
Piero Gobetti a Filippo Turati: Torino 10 giugno 1924 “Amico ,
vorrei stampare un volume di scritti di Giacomo Matteotti al più presto (Matteotti era appena stato assassinato – n.d.r.) ...
Le sarei molto grato se volesse consigliarmi ... Mi scriva subito, grazie da Piero Gobetti.
P.S. E’ necessario agire. Battere in blocco mussolinismo e maggioranza... Io credo che Mussolini non cadrà ... Ma se dovesse cadere, che siano le minoranze a farlo... per non tornare a Giolitti!”
Roma 25 giugno 1924
“Caro Gobetti
mi fu impossibile rispondervi (sic!) subito stante la ressa di faccende di questi giorni. Gli scritti ed i discorsi migliori di Matteotti dovranno essere pubblicati, MA NON ADESSO e con l’assenso del Partito...”
L’iniziativa di Gobetti non vide quindi la luce.
Al suo posto, avrei così commentato:
SE NON ORA QUANDO?
Poi non ci fu più il tempo. Gobetti morì a Parigi, a seguito delle bastonature fasciste, il 15 febbraio 1926.

28.09.2014 – N.a.m. del titolo che Eugenio Scalfari ha dato al suo articolo di fondo su La Repubblica del 31 agosto u.s.: “Il cavallo è assetato ma non beve la panna montata”. Si chiede: chi è “il cavallo assetato”, cos’è, in questo caso, “la panna montata”; chi è che monta la panna.
Chi risponde correttamente, dovrebbe trarne le conseguenze. Nel frattempo, avrà in premio un bel... gelato, offerto dal partito Renzusconiano”.

02.10.2014 – N.a.m. dell’odierno intervento in Vaticano di Papa Francesco alla congregazione sui problemi del lavoro - cito a memoria: “Guai a smantellare lo stato sociale e togliere i diritti ai lavoratori. La dignità del lavoratore non può dipendere dai mercati: SONO I MERCATI che devono servire l’uomo e la famiglia”.
A Cagliari, tempo fa, Papa Francesco aveva detto ai lavoratori del Sulcis “Gesù, aiuta i lavoratori che si battono per il proprio lavoro!” (Capito, capo–scout Renzi? Altro che jobs Act).
Ma forse Papa Francesco non si intende di economia: si intende solo di VANGELO e della sua applicazione alla vita dell’uomo di oggi.

08.10.2014 – N.a.m. dell’odierna giornata politica:
Sono le 14,30 e ancora il governo non ha presentato al Senato il Maxi – emendamento in base al quale Renzi chiede la fiducia: voto previsto per le 20, perché M.R. vuole presentare almeno uno straccio del suo capolavoro – a Rignano lo chiamano Jobs Act – alla conferenza – stampa che il premier terrà a Milano al termine dei lavori della Conferenza sul Lavoro da lui fortemente voluta. Il fatto che i Senatori non avranno neppure il tempo di leggerlo – questo maxi – emendamento – non ha rilevanza politica. Il VOTO DI FIDUCIA - autentico RICATTO rivolto soprattutto contro la minoranza PD - invece SI’.
Vedremo come si comporteranno gli uomini della cosiddetta “sinistra democratica”.
Io dico: FLECTAR NON FRANGAR!
P.S. Passa di nuovo un ministro in TV ripetere ancora: bisogna fare in fretta, l’Europa lo chiede ecc. ecc.
Rispondo, una volta per tutte, con questi versi combinati di una splendida poesia di Leonard Cohen, intitolata “SLOW”:
“Sto rallentando il ritmo
Non mi è mai piaciuto veloce.
Mi è sempre piaciuta la lentezza
Non mi è mai piaciuta la fretta.
E non perché sono vecchio.
Con te bisogna correre
Con me bisogna DURARE”.
Con un po’ di attenzione, fare paralleli d accostamenti non è poi così difficile.

10.10.2014 - N.a.m. del voto di fiducia ottenuto ieri al Senato per la riforma del lavoro.
Tre senatori PD, in disaccordo con la linea seguita dal loro Segretario – Presidente, al momento del voto sono usciti dall’aula.
Renzi duro: bisogna punirli.

“Colpirne tre per educarne 400 (n.d.r: parlamentari PD).
Ma chi diavolo ha pronunciato, per primo in passato, una frase simile? La mia memoria comincia a perdere colpi?
Credo di no. E la vostra?
Good night and good luck.!
E.T.