adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.1 - FEBBRAIO 2015

                     26/2/2015 - Termovalorizzatore di Selvapiana

<<<

Il PD di Rufina si è espresso per la cancellazione
del termovalorizzazione di Selvapiana dalla pianificazione Regionale.

Con un suo documento il Partito Democratico di Rufina si esprime con forza che il termovalorizzatore di Selvapiana non è più necessario, che non serve più e quindi intraprenderà tutte le azioni perché questo venga cancellato dalla pianificazione regionale, dove è tuttora previsto, coinvolgendo i cittadini rufinesi. Di seguito si riporta il documento emesso dalla Unione Comunale del PD di Rufina perché tutti i lettori possano dare un giudizio in merito.
“È giunto il momento di riprendere e sottolineare con forza alcune riflessioni in merito all'impianto di Termovalorizzazione i Cipressi di Selvapiana.
Lo è adesso, momento nel quale ci si appresta alla stesura delle linee guida e del programma elettorale regionale.
È il momento di dire che rispetto alla pianificazione da poco approvata ci siano le condizioni per verificare come l'impianto NON SIA PIÙ NECESSARIO.
L'impianto non ha una convenzione che ne garantisce i flussi fino a saturazione delle capacità; per un territorio che nel passato ha sempre rispettato la pianificazione con responsabilità questo implicherebbe dover costringere il soggetto gestore a trovare flussi di rifiuti esterni all'area di riferimento; questo è politicamente inaccettabile.
Inaccettabile per un territorio che ha sempre rispettato responsabilmente le scelte fatte in un ottica di autosufficienza regionale, e che ha visto le nostre amministrazioni impegnarsi con dedizione nella raccolta differenziata, raggiungendo risultati encomiabili, al di sopra degli obbiettivi regionali prefissati. Ed è questa la strada maestra da seguire; credere nel l'innovazione ambientale e credere che il territorio possa e debba contribuire in maniera importante alla predisposizione di politiche ambientali che rendano Regione Toscana all'avanguardia su questo tema.
Il nostro compito da qui alla predisposizione del programma elettorale di legislatura dovrà essere quello di promotori di soluzioni diverse, consci del fatto che per ben governare serve ripensare scelte del passato che non rispondono più ad effettive necessità.
Oggi è il momento di dire che l'Impianto NON SERVE PIÙ; è il momento di dire che alle odierne condizioni sia opportuno FERMARSI e predisporre nel breve periodo un percorso che possa portare alla CANCELLAZIONE dell'impianto dalla pianificazione, riconoscendo alle amministrazioni gli sforzi fatti.
In virtù di questo, nelle prime settimane di febbraio il Partito Democratico Rufina si impegna ad organizzare una iniziativa pubblica sul tema, che sia momento di confronto e di condivisione con la cittadinanza, sensibile quanto mai a questo tema delicato e che sia la rampa di lancio per azioni concrete che portino alla risoluzione di questa annosa vicenda”.
Si prende atto di quanto ha espresso il PD di Rufina, e siamo soddisfatti, anche perché più volte su questo periodico ci siamo soffermati sulla inutilità della costruzione di un grosso inceneritore nella zona, visto le dimensioni della nostra realtà territoriale e dei costi che i cittadini avrebbero dovuto sostenere, tenuto conto anche delle pratiche portate avanti per ridurre la produzione dei rifiuti da smaltire.
Su questa decisione sarebbe opportuni che si esprimessero oltre al PD di Zona anche le Amministrazioni comunali della zona, coinvolte in questo piano, perché si arrivi rapidamente alla cancellazioni del progetto. G.C.