adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.1 - FEBBRAIO 2016

                     28/2/2016 - SINISTRA

<<<

Sinistra: non scendo, continuo.
di Giuseppe Masi


La filosofia di Sinistra è per me illuminazione. Esagero, ma la ritengo un dogma che, specialmente nella morale dell’individuo, nella sua condotta e lealtà, trova le pietre angolari di tutta la Sinistra e la sua filosofia, per me, architrave di esistenza, almeno la mia.
Opinabile è tuttavia l’applicazione della medesima, le tentazioni sono tante direbbe un saggio eremita. Quante volte viene da maledire la Sinistra e le sue nefandezze, quando oramai troppi “casi isolati”, troppe “mele marce” segnano una storia fatta di diversità, vanto di generazioni di donne ed uomini che per essa hanno perfino rinunciato al di più che la vita, con le sue occasioni, offre e quanti intellettuali autorevoli hanno accostato la filosofia di Sinistra al Vangelo; peraltro quante volte papa Francesco viene sospettato di essere comunista solo perché divulga il Vangelo e si sgola a smentirlo dicendo che lo applica alla virgola, che come ebbe ad insegnarci Pasolini questo è un testo altissimo, intellettualmente alto, fino a prova contraria aggiungo. Amore per il prossimo, onestà, avversare ogni sopraffazione, non cedere al profitto, rispettare, fare il percorso con dignità e lealtà, senza icone e, nella frommiana questione, inseguire l’avere; accoglienza e disponibilità certamente rispetto delle leggi che normano la collettività senza deroga alcuna.
La Sinistra per affermare ciò deve lottare; deve difendere i più deboli, spesso esigendo tuttavia, anche da questi, rettitudine e partecipazione.
Marxismo e Cristianesimo si toccano più volte. Una filosofia, la Sinistra, per cui vale la pena battersi. Poi ci sono gli uomini che in nome della Sinistra occupano ogni potere, ci avvisò già Enrico Berlinguer nella famosa intervista a Scalfari, e spesso lo esercitano, il potere, come la peggiore destra, forse perché crescono con il mito latente e mai sopito del padrone che avversavano a prescindere, per mestiere, con la veemenza dell’arricchito liberatosi finalmente dalle ideologie e in fondo detestano ogni vincolo morale, che, insieme al libero mercato, regola l’economia fattiva e devono dimostrare al Capitalismo ed alla Finanza che “…altro che comunista, vedi di che sono capace io?…“. E diventano, anzi svelano, quello che sono: la destra. Sono di destra dentro e reclamano il buonsenso, la ragionevolezza, per esserlo senza vergognarsi.
Con altri operai, in Fabbrica, ci chiediamo come si senta un elettore di destra in una crisi così drammatica per la destra stessa, irreversibile direi. Eppure la destra è fondamentale per la nostra Repubblica e le sue Istituzioni affinché la Sinistra sia esempio, in quanto avversa alla destra, e che con il voto democratico possa la Sinistra governare il mio Paese, senza praticare egemonia alcuna, attingere alla Cultura, divulgarla, e farle manutenzione, far riflettere le coscienze umane. In quelle discussioni sempre rispondo netto che un elettore di destra non si dispera poiché trova risposte alle sue necessità, aspettative e desiderata nelle politiche di questo Pd che governa, con o senza Verdini, il mio Paese in nome e per conto di una pseudo - sinistra rottamatrice che probabilmente non ho capito ma comunque non dà alcun vantaggio alla povera gente.
Una Sinistra che dovrebbe, nella peggiore delle ipotesi, vedere contrariata l’agiatezza e la ricchezza di una parte della popolazione perché, ad esempio, il sistema fiscale sia rivoluzionato da essa con una pura patrimoniale. E questo è sconcertante perché non un secolo fa, ma qualche giorno addietro, lo sostenevano i sedicenti liberali che tanto piacciono nel Pd: occorreva una patrimoniale, dicevano indisturbati imprenditori ed economisti nei talk. Ma il popolino della sinistra? i saccenti frequentatori dei circoli cosa dicono? E gli altri di tutte le stagioni extraparlamentari e rifondarole?
Poco, quando parlano molto, come troppi che conobbi nel mio tragitto Pci-Pds-Ds. Hanno avuto timore a dirsi comunisti, socialisti, tant’è che nello PSE ce li ha portati Renzi, paradosso, e si sono nascosti tra le pieghe del liberismo e del mercato conseguente per piacere ed essere accettati nei salottini dove le opportunità regalavano qualche contrattino, appalto e financo il piacere di qualche peccaminoso adulterio. Finite le ideologie, liberi tutti!
E’ cosa nota che non sono del Pd e men che mai sostenitore di Renzi, ma come posso non dare a lui merito di aver rottamato i Bertinotti, D’Alema, Violante, Ferrero, Diliberto e relativi fans, complici agli autori della fine della Sinistra politica? Resistono, ancora, i riciclati come Fassino e l’ex banchiere Chiamparino, Veltroni e sono scimmiette in voliera quelli che amano chiamarsi minoranza dem, i cuperliani, bersaniani che hanno votato tutto, legge Fornero, Jobs act, stracciando lo Statuto dei Lavoratori, pareggio di bilancio in Costituzione ed ancora sono disponibili perché disposti a votare ancora robe della peggiore mercanzia contro i Lavoratori ed i Pensionati, gli Anziani e gli Ammalati.
Per non parlare di quello che reputo l’ala ridicola della Sinistra europea, le bruttissime copie taroccate da Fassina e Civati delle varie Podemos ed affini; e gli ultimi due socialisti famosi, quello che mima sesso in Parlamento, neanche da sinistra e l’altro che dei Socialisti ha la bandiera, il simbolo e ogni vice-poltrona offerta dal Pd. Mutuando una finissima affermazione di papa Woijtila, all’indomani della fine del comunismo despota, è vero che la Sinistra non c’è più ma i bisogni per cui nacque stanno tutti là, da risolvere. Continuate le vostre scorribande, ebbri di potere, ma a quei bisogni non pensateci mai, vi ringrazieremo in tanti.