adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2016

                     7/6/2016 - lettera su fusione comuni

<<<

Redazione Laburista Pontassieve

Lettera sulla fusione fra più comuni
Caro Giovanni ,
ti ringrazio per avermi dato la possibilità di leggere e apprezzare “Laburista”. Considero l’intervista al Sindaco di Pontassieve, Monica Marini, uno stimolo interessante per il coinvolgimento dei cittadini nella scelta di scenari impegnativi, e anche suggestivi, che riguardano la qualità della nostra vita nei prossimi anni.
Non vi è dubbio che l’ipotesi di una fusione fra più comuni non è solo l’occasione per usufruire degli incentivi economici destinati alle operazioni di accorpamento, ma è anche la grande opportunità per rivedere l’organizzazione dei servizi delle singole amministrazioni, migliorando i servizi e riducendo, possibilmente, anche le spese ricorrenti. In tal caso i risparmi di gestione, unitamente ai citati incentivi, possono essere reinvestiti per il rafforzamento delle strutture nei settori della sanità, dell’assistenza alle persone disabili, agli anziani e alle coppie con figli minori, senza dimenticare la scuola e le attività culturali e sportive delle nostre comunità. Il Sindaco osserva giustamente che la fusione serve anche per dare un peso politico maggiore alla rappresentanza della nostra zona all’interno della Città Metropolitana di Firenze.
L’argomento fusioni è ulteriormente sviluppato nella rivista con articoli di Stefano Bindi e di Gianluca Cotoneschi. La redazione del “Laburista” sembra condividere il disegno strategico della Marini e si augura “che il progetto di fusione dei comuni della Val di Sieve assuma contorni sempre più unitari”. Al riguardo faccio osservare che: a) il territorio di Pontassieve più abitato è quello del versante dell’Arno; b) l’abitato più importante del Comune di Pelago, la frazione di San Francesco, è parte integrante del contesto socio-economico di Pontassieve; c) sul versante dell’Arno insistono vari territori dello stesso Comune di Pelago.
A seguito di queste considerazioni vedrei con interesse un confronto dei Comuni di Pontassieve e Pelago con altri Comuni della vallata dell’Arno, vedi Fiesole e Bagno a Ripoli. Anni fa, come consigliere del Comune di Pontassieve, ripetevo spesso che lo sviluppo delle comunità segue la corrente dei fiumi e che non è possibile mandare l’acqua all’insù: un concetto che ribadisco oggi in questa lettera.
Per esperienze fatte in altre situazioni ho visto naufragare proposte di accorpamenti con ottime prospettive di sviluppo per il prevalere di ambizioni e interessi personali della dirigenza, che rinunciava alla fusione in nome di tradizioni e autonomie, in verità assai anacronistiche e che nulla avevano a che vedere con il perseguimento degli scopi istituzionali e statutari degli enti che rappresentavano. Altre volte la decisione veniva rinviata con la motivazione che un accorpamento aveva un senso se all’operazione di fusione partecipavano più enti. La via delle fusioni è strategicamente perfetta ma spesso impraticabile.
Come pontassievese, nell’ipotesi che la proposta di fusione fra più comuni non avesse esito positivo, proporrei di fare un primo passo con il Comune di Pelago oppure, essendo Pontassieve di fatto già un’appendice della città, prenderei seriamente in considerazione la prospettiva di fare parte, se accettati, della Grande Firenze. Per noi sarebbe la soluzione politica più vantaggiosa per migliorare veramente la qualità della nostra vita avvalendosi della vasta gamma di servizi che la Città offre.
Chiudo con l’auspicio che il cambiamento istituzionale in atto avvenga tenendo sempre conto dell’interesse dei cittadini. A tal proposito non so se la redazione di Laburista o i Comuni interessati abbiano in mente di fare qualche sondaggio per comprendere gli orientamenti della popolazione.
Ti ringrazio dell’attenzione. Un caro saluto. Franco Tilli


Caro Franco,
ti ringrazio della tua lettera, che offre importanti spunti di riflessione. La redazione della rivista non ha, al momento, alcuna posizione sulle varie ipotesi di fusione prospettate dai vari enti, visto lo stato ancora embrionale in cui si trova la discussione. Condivide invece con la Sindaca Monica Marini sia la necessità di garantire maggior peso politico al nostro territorio, che ha sicuramente bisogno di maggior attenzione istituzionale (per esempio, sui temi del lavoro e dell’occupazione), che l’opportunità di un sollecita discussione su questi temi, ormai divenuti ineludibili.
Bene quindi ha fatto la Sindaca di Pontassieve, a riaprire il confronto con le altre amministrazioni della zona e la ringraziamo per aver scelto, fra gli altri canali informativi, anche la nostra rivista.
G.C.