adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.4 - AGOSTO 2016

                     26/9/2016 - COMUNE UNICO

<<<

Passo importante a Pontassieve per il Comune Unico
di Stefano Bindi

Ho assistito alla seduta del Consiglio Comunale di Pontassieve del 27 giugno u.s. ed ho ascoltato molto attentamente la discussione della Mozione sull’atto di indirizzo in materia di “Unione di comuni e di Fusione di Comuni”
La mozione presentata dal Sindaco ha lo scopo di dare alla nuova giunta un indirizzo politico forte per “intraprendete quanto prima il percorso di fusione per arrivare a conclusione anche prima della fine della attuale legislatura” e “Avviare una fase preparatoria con i comuni di Pelago Rufina e Rignano sull’Arno; chiedendo formalmente ai Sindaci di portare la discussione all’interno dei rispettivi Consigli Comunali, entro la fine del 2016, la possibilità di avviare il percorso di fusione”.
Per dare maggiore forza a questo importate impegno del Comune di Pontassieve sono anche cambiate le deleghe degli assessore ed è entrato in Giunta anche Passerotti, finora capogruppo del PD. Si è impegnato direttamente il Sindaco assumendosi la delega al riassetto istituzionale e, come indicato nell’ultimo comunicato stampa pubblicato sul sito del Comune, “con l’obiettivo di proporre alla cittadinanza prospettive concrete di riassetto istituzionale quale la fusione fra Comuni”.
Cercare di porre dei termini temporali mi sembra la strada giusta per essere concreti e rafforzare il percorso fatto con prima la Comunità montana e poi l’Unione dei Comuni. La discussione scaturita sul lavoro svolto dall’ Unione mi ha portato a conoscenza di alcune informazioni e del fatto che il Comune di Rignano sull’Arno ne sia uscito, criticandola fortemente il lavoro svolto dall’Unione. Questo atteggiamento non mi è sembrato che percorra la strada giusta perché si perde quel poco di sinergie che sono state costruite in questi anni.
Non conosco i motivi di questa scelta ma se il percorso fatto in questi anni è stato giudicato scarso era l’occasione, secondo la mia opinione, per cercare di contribuire a rinvigorirlo, per arrivare alla fusione futura con già alcuni servizi gestiti in modo associato, anche se nel breve avrebbe comportato un maggiore costo per il singolo comune. La scelta del Comune di Pontassieve di rimanere nell’Unione dei comune è la strada più corretta soprattutto per il comune che è il capofila in molte funzioni. La delega al riassetto istituzione parte dal riassetto del personale nell’unione dei comuni per porre le basi di una futura struttura efficiente ed efficace.
Dal dibattito mi è sembrato di capire che il problema è che non ci sono più i finanziamenti regionali a sostenere alcuni servizi conferiti all’unione; la cosa è alquanto preoccupante perché vuol dire che il lavoro fatto in questi ultimi anni per impostare questi servizi non è risultato valido. Rinunciare ai servizi associati vuole dire di fatto che alcuni comuni non hanno più questi servizi per i cittadini o cosa peggiore che i servizi sono gestiti in modo migliore dai singoli comuni e che le sinergie nel mettere insieme più persone non sono evidenti.
Auguro buon lavoro al Sindaco in questo difficile percorso che deve essere fatto oltre che tra i cittadini, che saranno chiamati a decidere con referendum confermativo, anche all’interno delle strutture e negli uffici dei Comuni. La scelta della fusione è sostenuta ora dai contributi nazionali e regionali dati ai comuni per percorrere questa strada; il percorso dell'Unione dei comuni fatta in questi ultimi 10 anni può essere un d'esempio di cosa non fare nel futuro percorso per la fusione: non si deve basare solamente sui vantaggi nel breve periodo senza prendere in esame logiche strategiche dei nostri territori.