adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.5 DICEMBRE 2016

                     18/11/2016 - NOTE A MARGINE

<<<

10/09/2016 I miei amici sanno che importanza riveste per me, quest’anno, questa data.
Mi sono pertanto, per questa volta, posto l’obiettivo di volare un po’ più in alto, al di sopra di questi tempi “tristi” che stiamo vivendo e della politica “trista” senza più utopia che stiamo subendo.
Vediamo se almeno un po’ ci riesco.

A – Con questa riflessione, mutuata da un intervento sul tema del Prof. Zagrebelsky intendo chiudere la mia campagna referendaria per il NO:
- La modifica della Costituzione ha formato parte integrante, da subito, del programma di Governo. Ma io credo che i governi debbano stare SOTTO la Costituzione e non si debbano dare la LORO Costituzione. Perché occorrono altri strumenti. Chi si DA’ la legge, non è SOTTO la legge. Ubbidire a se stessi non è un vincolo ma LIBERO ARBITRIO”.
E questo è molto pericoloso nelle cose politiche.

B – PRO VERITATE – ADVERSA DILIGERE - .
Questo era il motto del mio amato Cardinale Martini: “ Per la verità – amare le avversità.”.
Il latino si presta ad interpretazioni diverse, è molto inclusivo nella sua semplicità apparente.
Per cui ADVERSA SI può legge anche come Avversari, DILIGERE comprende anche l’ASCOLTO dell’avversario. Altrimenti come avrebbe potuto nascere a Milano la CATTEDRA PER I NON CREDENTI?
Oggi si innalzano MURI e BARRIERE DI FILO SPINATO.

C – Giorgio La Pira diceva: La Politica è la forma più alta di CARITA’.
Io dico, gobettianamente, che ad un politico servono 3 cose: INTELLIGENZA, ONESTA’ E CORAGGIO.
Intelligenza per guardare a fondo dentro i problemi perché, come diceva Luigi Einaudi, per “deliberare” occorre prima “conoscere”.
Onestà non solo morale ma comportamentale: in politica, non si può aspettare la sentenza della Cassazione per giudicare un “collezionista” di avvisi di garanzia!
- e CORAGGIO per portare avanti le proprie idee, anche e soprattutto in tempi difficili, disposti a pagare PREZZI ALTI!
Nota: oggi, 16 settembre, è morto Carlo Azelio Ciampi. Con le parole appena scritte, mi sembra di averne tracciato, in un certo senso, il profilo. Ricordo che, purtroppo, il titolo del suo ultimo libro, quasi un testamento, è stato:
“Non è questo il paese che vorrei”.

D : A Romano Prodi è stata rivolta questa domanda: “Immagini di stare ancora al governo con Carlo Azelio Ciampi. Quali sarebbero le prime battaglie da fare insieme?


Le prime misure che prendereste”?
Risposta: “Sono sicuro che faremmo ogni sforzo per aumentare la produttività, che purtroppo continua a calare, e lo faremmo seguendo UNA POLITICA KEYNESIANA, con investimenti PUBBLICI e privati”.
Già: una politica Keynesiana ... .

John Majnand Keynes (1883 – 1946) fu quell’economista inglese “prima dimenticato e poi vituperato dai monetaristi alla Fredman e oggi dalla New-Economy del TRIONFO DEL MERCATO. Keynes, sosteneva come il MERCATO non potesse da solo fare uscire le economie dei singoli stati dalle crisi più profonde e prolungate nel tempo. Doveva intervenire a quel punto lo STATO, fino a quando non fosse stato raggiunto un nuovo PUNTO di EQUILIBRIO. Allora lo Stato poteva rientrare nei ambiti istituzionali.
Franklin D. Roosvelt lo ascoltò e gli U.S.A. vissero il loro New Deal.
Ma nel 2008 (crisi dei sub-prime) Obama lanciò il proprio salvagente agli Istituti di Credito e all’Auto. Il Tesoro americano spese 426 miliardi di dollari per puntellare i colossi di Wall Street e di Detroit, ritrovandosi, dopo la crisi, azionista di controllo delle maggiori banche americane. POI, il vento è cambiato. Queste partecipazioni hanno cominciato a distribuire dividendi, il mercato è tornato liquido, lo Stato ha cominciato poco a poco a rientrare delle sue quote. A conti fatti, Il tesoro ha guadagnato 15 miliardi di dollari che sarebbero stati molti di più se il salvataggio di Ford, GM e Chrysler non fosse costato 22 miliardi. (Questi dati sono stati desunti da riviste specializzate tipo The Economist).

- Che altro dire? Ah, dimenticavo. A quel punto le banche, ritornate forti, hanno potuto riassorbire in bilancio le sofferenze. Altro che Fondo Atlante! (A proposito: cosa fa poi il Fondo ATLANTE? Sub-appalta la riscossione dei crediti alle agenzie di recupero, che spesso usano metodi a dire poco odiosi, con pesanti conseguenze sociali e, perché no, politiche).

- E’ successo qualcosa del genere in Europa? Men che meno in Italia. Si è preferito il MERCATO.

- Papa Francesco ha parlato ad Assisi, Obama alle Nazioni Unite; in entrambi i casi parole accorate, piene di speranza ma anche di tristezza, sia pure rivolte ad uditori diversi.
Ritengo inutile ripeterle qui: con alcune luminose e non trascurabili eccezioni, gli italiani restano un popolo malato da una secolare debolezza morale ( M.Viroli).

Good night and good luck.!
E.T