adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 APRILE 2017

                     5/10/2017 - PRIMARIE DEL PD

<<<

Gli iscritti del PD hanno votato. Ora è il
turno dei giocolieri dei numeri.
Si sono conclusi gli scrutini delle primarie degli iscritti al
PD per l’elezione del loro segretario. I successivi commenti
si sono basati sulle percentuali o sui numeri assoluti a
seconda delle interpretazioni che si vogliono dare. I
renziani sono per le percentuali che danno risalto alla
vittoria del loro leader, gli altri volendone sminuire il
valore fanno i conti in termini assoluti. Secondo il Corriere
della Sera, per la penna di Maria Teresa Meli - da sempre
amica di un amico a cui Matteo Renzi in via riservata
riferisce tutto, proprio tutto - l’ex-segretario ed ex-premier
avrebbe espresso massima soddisfazione per aver avuto
consensi oltre il 60%, ottenendo pertanto “risultati
incredibili, che vanno oltre le nostre migliori previsioni…
un successo impressionante”. Gli amici di Orlando fanno
altri commenti sottolineando il fatto che i votanti non sono
stati di numero rilevante ( 266.000, 59% degli iscritti).
In sintesi sui circa 450.000 iscritti l’ex- segretario,
dimissionario pro-forma, avrebbe preso in assoluto 177.000
voti (67% dei votanti e il 40% degli iscritti), i voti dati a
Orlando sono stati 67.000 (25%) e 21.000 quelli dati a
Emiliano (8%). In modo capzioso si può anche dire che su
450.000 iscritti 177.000 hanno detto si a Renzi, 88.000
hanno detto no votando gli altri candidati e 184.000 non lo
hanno votato disertando le urne. Si può osservare che è
mancato l’entusiasmo e la voglia di partecipazione. Sul
numero dei tesserati vi è un po’ di confusione. E’stato
scritto che durante la gestione Renzi in 100.000 non hanno
rinnovato la tessera. E’ stato poi scritto che il 6 marzo i
titolari di una tessera del Pd erano 296 mila, cioè 150 mila
in meno rispetto ai 449.434 comunicati il 3 aprile. Vi è
stato quindi un aumento abnorme di tesserati a ridosso
delle votazioni. Una conferma viene anche da Pontassieve,
il comune in cui Renzi vive con la sua famiglia. Nei mesi di
febbraio e marzo nel PD del capoluogo locale vi è stata
una infornata di renziani. Gli iscritti da 50 (400 ai tempi di
Bersani) sono saliti a 82 e hanno votato in 79!, 52 voti
all’ex-segretario e 17 voti a Orlando. Nelle popolose
frazioni di Sieci e Molin del Piano ha vinto Orlando e così
anche nel comune limitrofo di Rufina.
Non vi è alcun dubbio che Renzi ha vinto, vistosamente in
Campania e Calabria, come del resto era stato previsto non
avendo avversari di rilievo all’interno del partito. Gli altri
candidati sembra che abbiano partecipato non tanto per
vincere quanto per ritagliarsi una fetta di potere all’interno
del partito confidando poi in una migliore sorte nelle
primarie di fine aprile aperte a tutti.
Sui commenti dei risultati elettorali la cautela però non è
mai troppa specialmente quando i numeri possono
esprimere delle verità pirandelliane come sta avvenendo
anche in questa circostanza.
G.C.