adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - OTTOBRE 2003

                     16/11/2003 - L’opinione del dottorgiannoni

<<<

Caro Nanni Troppi avvenimenti sono avvenuti da quando scrissi l’ultima lettera, troppi e, data la mole di argomenti, ne verrà una lettera disordinata. mi scusino i lettori.
Andiamo in Iraq ed all’attentato all’ONU. Mi dispiace molto per quei morti e per quei feriti, ma è stata ben capita la mentalità di quel popolo? Non si è capito che in Iraq non possono vedere né gli americani né chi li aiuta? (Ora si dirà che sono antiamericano, in verità ragiono sui fatti). In passato l’ONU ha tentato di invitare gli USA a non fare la guerra. Ora dovrebbe invitare gli USA a ripagare i danni provocati deliberatamente ed a risarcire i civili ricordando loro che non sono state trovate le armi di distruzione di massa , pretesto per la guerra. Perché li aveva ben avvisati che non dovevano fare la guerra e che stavano entrando in un casino. Perché chi rompe paga ed i cocci sono suoi, o no? Dopo, quando gli americani fossero andati via dovrebbe subentrare l’ONU e cercare di salvare il salvabile. Sarebbe sempre dura la faccenda ma avrebbe una vera logica. Ora è l’ipocrisia che viene a galla. Nei momenti dell’attentato nella sede dell’ONU veniva fatta una conferenza per parlare di «oil for food», di «petrolio in cambio di cibo». Sempre gli stessi argomenti? Nemmeno ora si toglie l’embargo all’Iraq? Lo ripeto, sono gli americani che devono pagare i danni, ed il petrolio degli irakeni gli irakeni se lo possono commerciare come meglio credono, liberamente. Gli americani non sanno più come fare e chiedono aiuto (per ora solo militare, ed in ciò dimostrano di non aver capito nulla) «Mal voluto non è mai troppo» e «chi la fa l’aspetti»,. come capitò nel Vietnam. L’alterigia fa loro brutti scherzi.
Già l’ho scritto: dopo l’attentato alle torri gemelle gli USA dovevano dare una risposta di pace che sarebbe stata proficua nella lotta al terrorismo, vedi la cessazione dell’embargo in Iraq, vedi una giusta pace in Palestina, non la guerra! Ora «i nodi vengono al pettine».
Secondo l’importanza torniamo qui da noi. Per prima cosa un mio sfogo, a proposito del caso Sofri. Mi conosci, ho avuto il coraggio di esprimere il mio pensiero anche controcorrente.
In un momento nel quale è indispensabile il pieno rispetto dell’operato della magistratura mi sembra sconveniente il ritornare su quella sentenza criticandola ed esigere la grazia. Tenuto conto altresì che è stata più volte revisionata e la revisione del processo non è una modalità consueta. Lo dico specie al signor Pannella, ora amico del berlusca e che si dà tanto da fare, insieme al centro sinistra.. Tra l’altro a me sembra che anche il Presidente Ciampi sia del medesimo mio avviso e che qualcuno lo voglia tirare per forza per la giacchetta. E non è che la mia opinione abbia bisogno del conforto dell’opinione del guardasigilli, che a denigrare la magistratura non è secondo a nessuno (ed a dirla tutta, siccome al berlusca ne hanno fatte tante di grazie, se è per questo, potrebbe firmare una grazia in più e buona notte, sarebbe coerenza).
Ora un doveroso omaggio al berlusca che sta facendosela sotto. Non ha avuto il coraggio di andare all’Arena di Verona per paura di essere fischiato. Qualche anno fa ciò non sarebbe accaduto. E, come sempre ha voluto passare da «martire», come sempre ha voluto sembrare «generoso», l’ha fatto «per il bene di chi partecipava allo spettacolo», secondo lui lo dobbiamo ringraziare e come sempre ha dato la colpa ai soliti «comunisti». Siamo davvero «alla frutta», non sa a quale santo votarsi. Perché da buon pubblicitario dovrebbe sapere che il messaggio pubblicitario dopo un po’ di tempo va cambiato altrimenti non produce effetto o dà l’effetto contrario.
E sempre per farci un piacere, per farci passare bene, per amore dell’Italia, dice che è andato ad esprimersi su mussolini e sul fascismo come si è espresso. A parte che a rivangare il passato ha rotto i testicoli anche a Fini, teso a far dimenticare quei tempi (ma resta un fascista, lui ed i suoi camerati, anche se si camuffano). Di quel passato se ne devono vergognare i fascisti (che fecero il fascismo), non noi che lo subimmo con lutti e dolore.
Altro fatto che mi crea dissenso, quel povero Papa che non fa che ripetere la necessità di riconoscere le radici cristiane per l’Europa. Bisognerebbe però che si ricordasse di certe idee «cristiane» (che con Cristo non hanno a che fare perché basate sul potere temporale),che hanno prodotto in Europa guerre di religione con milioni di morti, in Germania ed in Francia,. senza contare le Crociate e la scomunica, (per aiutare i soliti di sempre), a chi si professava socialista o comunista. Per tanta di quella gente era valida la beatitudine evangelica: «Beato chi ha fame e sete di giustizia». E si deve ricordare che cristiano si professa il berlusca (e non lo è, non sa cosa sia il Vangelo di Cristo). Perché non lo sconfessa?
Si levi di torno tutti gli affaristi che lo contornano, parli chiaro sull’Opus Dei, su »comunione e liberazione», su lo IOR che sono la negazione del vangelo e dei principi cristiani. Poi se ne riparla.
Tra l’altro se la costituzione europea dichiarasse a chiare lettere di essere contro tutte le guerre e proclamasse la giustizia sociale ed il diritto dei poveri ad essere tutelati sarebbe una costituzione cristiana.
Su questo si dovrebbe battere il Papa, non per generiche dichiarazioni.
L’ultima cosa, e con questa riprendo l’inizio della lettera. Ciò che succede in Iraq mi ha fatto ricordare la cialtroneria dei collaborazionisti nostrani con le forze di occupazione nazista e come a suo tempo furono trattati. Se lo sono scordati? Mi è venuto da pensare come gli eredi dei fascisti, (che a suo tempo non seppero fare altro che agire servilmente ai nazisti e che mandarono a rotoli l’Italia ed ora sono servi degli USA e del berlusca), ora dimostrano di essere eredi di quella gentaglia subordinata e senza coscienza morale accettando, lo ripeto, supinamente il volere del »capo» attuale cui si sono votati anima e corpo e di non interessarsi per niente di come va l’Italia. Anzi contribuiscono allo sfascio. Il lupo perde il pelo e non il vizio. La loro prosopopea di voler essere «tutti di un pezzo», di voler »salvare l’onore» va a farsi friggere. E’ acqua calda per fare impacchi ai testicoli dei vecchi con l’intento di rinvigorirli.
Alla prossima lettera, mio caro Nanni, dal tuo dottorgiannoni.