adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 GIUGNO 2017

                     7/4/2017 - DELITTO ROSSELLI

<<<

Ottant’anni fa l’omicidio dei Fratelli Rosselli
Carlo e Nello Rosselli furono uccisi in Francia, a Bagnoles de l’Orne il 9 giugno 1937. Si trattò di un delitto del
fascismo europeo: perpetrato dall’organizzazione terroristica di destra francese della Cagoule, su mandato del
governo fascista italiano attraverso il Sim (Servizio Informazioni Militari) e avendo tra i morivi che lo determinarono
l’intervento di Carlo alla difesa della Repubblica Spagnola nel 1936, costituendo la prima colonna italiana che venne
schierata in campo.
Comune l’impronta mazziniana della loro
formazione (Giuseppe Mazzini era morto a Pisa nel
1872 sotto falso nome in casa del loro avo Pellegrino
Rosselli). Carlo si era poi orientato verso il Psu (il
partito socialista riformista di Giacomo Matteotti e di
Filippo Turati,) Nello verso l’Unione Nazionale di
Giovanni Amendola.
Evaso clamorosamente dal confino all’isola di Lipari
nel 1929, Carlo Rosselli, giunto a Parigi aveva
fondato un nuovo movimento “Giustizia e Libertà” e
pubblicato in francese nel 1930 il suo manifesto
teorico “Socialismo Liberale”. Nello, più volte
incarcerato e confinato, aveva scritto importanti libri
sul Risorgimento italiano.
Sono passati ottant’anni e importanti celebrazioni
sono state preparate sia in Francia che in Italia. A
Parigi il 6 giugno si svolgerà presso l’Istituto Italiano
di Cultura un convegno storico italo francese, il 7 la
nostra fondazione Circolo Rosselli organizza un
pellegrinaggio a Bagnoles de l’Orne al monumento ,
scolpito nel 1949 da Carlo Sergio Signori nello
studio Nicòli di Carrara.
Nel 1951 le salme dei due fratelli, inizialmente
tumulate nel cimitero parigino del Père Lachaise,
vennero traslate a Firenze nel “Quadrato del Non
Mollare” del Cimitero di Trespiano. Al vertice la tomba dei Rosselli con la scritta dettata da Piero Calamandrei: Carlo
e Nello Rosselli/Giustizia e Libertà/Per questo morirono/per questo vivono. Di fronte quattro massi con i nomi di
persone che furono compagni dei fratelli Rosselli nell’edizione e nella diffusone del primo giornale clandestino
antifascista d’Italia il “Non Mollare”:
Gaetano Salvemini, Ernesto Rossi, Nello
Traquandi ed Enrico Bocci. Mentre per i
primi tre sono sepolture, per Bocci si tratta di
un riferimento simbolico. Leader, nel 1944,
del gruppo di radio Cora, la radio clandestina
antifascista che faceva capo al partito
d’azione, Bocci venne catturato, orribilmente
torturato e ucciso a Villa Triste; il suo corpo
non venne mai trovato.
Che cosa ci dicono oggi i Rosselli, ed in
particolare il più direttamente politico dei
due, cioè Carlo?
Con “Socialismo Liberale”, Carlo aveva
inteso conciliare i due grandi ideali laici del novecento. Il Socialismo, aveva scritto Carlo è liberalismo in azione, in
altre parole è quell’insieme di politiche che potevano rendere il godimento delle libertà effettivo per tutti, anche per
le classi lavoratrici, per le classi oppresse in genere.
Nel 1989, con la caduta del muro di Berlino e la dissoluzione dell’Unione Sovietica, il socialismo liberale sembra
avere la meglio, sul socialismo autoritario e dittatoriale Ed è così in effetti. Solo che sulla sua destra, impetuoso, è
venuto a spirare un vento liberal-liberista (i moderni politologi parlano di ordo-liberismo). Il contrasto tra i due filoni
Carlo e Nello Rosselli
9 LABURISTA notizie
ideali e politici è evidente: il socialismo liberale ritiene che le società si sviluppino realmente , in senso non solo
quantitativo ma anche qualitativo, se gli individui vengono tutelati socialmente, assistiti sanitariamente, forniti delle
opportunità di accedere all’istruzione e alla formazione e se lo stato impedisce i monopoli ed è in grado di orientare
la società sulle grandi finalità economico-sociali. I Liberal liberisti ritengono invece che le società progrediscono se gli
individui non sono troppo tutelati, sentano addirittura il morso del bisogno, la competitività sia rude, le
disuguaglianze, anche quelle veramente divaricanti, benefiche per lo sviluppo economico. Lo stato, meno vincoli e
regolamenti mette all’attività economica e meglio è.
Se il processo di globalizzazione ha migliorato il tenore di vita per centinaia di milioni di persone che erano
precedentemente rimaste ai margini dello sviluppo economico, vi sono stati nel mondo sviluppato arretramenti
economici ed occupazionali per aree e ceti sociali che si sono sentiti emarginati dalla globalizzazione stessa.
Come risultato è sorto un terzo contendente, cioè quello che viene definito come un sovranismo- identitario, che
spera di rimettere l’orologio indietro, limitando o vincolando il processo di liberalizzazione economica internazionale
e quegli imponenti fenomeni migratori che, a causa anche ai conflitti in atto, stanno percorrendo il nostro globo. E’
l’epoca delle paure, di fronte al terrorismo estremista islamico, e, sul piano economico, di fronte alle delocalizzazioni
che colpiscono le classi lavoratrici, che ha determinato un vero e proprio insediamento nelle basi elettorali un tempo
di sinistra di forze di carattere sovranista e identitario, cosiddette populiste, se non addirittura di destra.
Come dare oggi nuova forza e nuovi consensi all’affermazione dell’inscindibilità del binomio rosselliano di Giustizia
e Libertà? Con quale progetto generale, con quali referenti sociali? Sono gli interrogativi di chi si colloca nella sinistra
democratica o almeno nel centro-sinistra. Ma è di qui, da questa limpida affermazione che bisogna ripartire e per
questo è giusto e opportuno ricordarli.
Valdo Spini
Da “Il Tirreno” del 28 maggio 2017