adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2004

                     26/4/2004 - Cultura, vittima illustre

<<<

di Franco Baggiani
La Cultura come antidoto


La crisi finanziaria derivata dal cambio monetario che in parte assottiglia i portafogli degli italiani ha una vittima illustre: la cultura.
È evidente che in un bilancio familiare che subisce i furbeschi rincari di tutti i generi di prima necessità e non solo, la prima cosa che viene tagliata è quella che sembra non essere indispensabile .
Questo vale solo in parte, fortunatamente alcuni considerano la cultura un bene di prima necessità a scapito magari dell’abbigliamento o di altri beni probabilmente meno utili, anche se rendere appetibile la poca utilità o l’inutilità di “un qualcosa” è ormai divenuta prassi quasi dominante in modo particolare nella comunicazione di massa: radio e TV private in primis ma anche la TV pubblica non scherza quanto a spazzatura.
Il pensiero dell’inutile o sull’inutile non è un problema marginale e, a volte, pure trasversale: ormai non ha una sua collocazione socialmente precisa e, se vogliamo, possiamo mettere sul piedistallo dell’inutilità resa indispensabile un estensione di situazioni enorme.
Ora, un buon sistema per far riflettere su dove stiamo andando a finire è quello di chiedersi come la cultura, antidoto naturale contro le acerbità mentali, possa essere usata per cercare di arginare il dilagare di quello che precedentemente definivo il pensiero dell’inutile.
Penso che la figura dell’operatore culturale di base sia una figura importante per indurre alla riflessione sul “Flusso informativo” che ci colpisce in modo inesorabile. Altro che poliziotto di quartiere: occorre che sul territorio (nazionale) sia rafforzata questa figura professionale in tutte le sue articolazioni (scuole, enti, gruppi di lavoro etc. etc.) affinché possa indurre alla relativizzazione dei punti di vista culturali, che vanno riportati ciascuno all’universo culturale che l’ha prodotto e poi confrontati fra loro per rilevarne dissonanze e consonanze.
Su queste possiamo poi lavorare a fondare un nuovo universo culturale “critico” e non passivo.
Parker, Bach, Shoemberg, Ellington, Hendrix sono stati il prodotto di una società che li ha scelti come suoi rappresentanti. Non mancano anche oggi grandi uomini d’arte e di cultura che possano rappresentare la contemporaneità, ma il cerchio si stringe e stare in guardia può non bastare.

In collaborazione con L’Associazione Sound