adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2002

                     13/5/2002 - LA NUOVA RAI

<<<

LA NUOVA RAI
PER CAMBIARE GLI ITALIANI
Una spartizione secondo le peggiori tradizioni

RAIUNO al giornalista Del Noce (in quota a Forza Italia)
RAIDUE al leghista Antonio Marano
RAITRE a Paolo Ruffini (in quota alla Margherita)
TG1 a Clemente Mimun (Forza Italia)
TG2 a Mauro Mazza (in quota AN)
TG3 ad Antonio di Bella (vicino ai DS)
TGR ad Angela Buttiglione (Ccd-Cdu)
GR a Bruno Socillo (in quota AN)
RADIOFONIA a Sergio Valzania (in quota Ccd-Cdu)

Per una maggioranza che dichiara di voler cambiare l’Italia questa nuova RAI, nasce allo stesso modo delle precedenti, ma con appetiti ancora più forti che in passato, perché la voglia di cambiare l’Italia c’è veramente. Lo strumento adesso è stato messo a punto ed è pronto a funzionare in tandem con quello di Mediaset.
C’è veramente motivo per essere preoccupati: non si era mai visto un potere così forte, in un settore così importante, sostanzialmente nelle mani di una sola persona. Non esiste in nessun Paese del mondo democratico una situazione del genere. La minoranza ha scarsissimi strumenti per dialogare con il Paese.
Questa maggioranza sta tentando di cambiare l’Italia. Ma quali sono i cambiamenti che persegue? Parla di modernizzare lo Stato, d’informatizzazione spinta, di mercato, di libertà e di pluralismo.
Sono queste le differenze rispetto al governo della sinistra? Anche la sinistra aveva questi obiettivi.
Non stanno qui le differenze.
Queste persone che oggi ci governano vengono da lontano, vengono da un’altra storia d’Italia che non si riconosce nei valori della “Resistenza”; anche in questo 25 aprile ne abbiamo avute varie conferme.
Vengono da una Storia d’Italia che ha ancora voglia di limitare le libertà di stampa e di parola: aveva già iniziato Storace con la Regione Lazio, ha spudoratamente proseguito il premier all’indomani delle nomine RAI reclamando il licenziamento di giornalisti scomodi; nel nostro piccolo qui a Pontassieve si è cimentata in questa indegna gara anche il consigliere di Alleanza Nazionale, che già aveva avuto modo anche di esprimersi in modo pesante sul movimento partigiano e che ora censura la distribuzione del volume “Testimonianze”, rivista fondata da Ernesto Balducci, consegnata agli studenti della Scuola Balducci dal Comune di Pontassieve.
E d’altra parte chi dichiara di aver rotto da ben 4 anni con il proprio passato avrà pure diritto ad avere qualche ricordo precedente.
Queste persone che oggi ci governano non credono di essere in una Repubblica democratica fondata sul “lavoro”, bensì una Repubblica fondata “sull’impresa e sugli imprenditori” con i quali hanno stretto un rapporto privilegiato, mentre hanno perseguito lo scontro con il mondo del lavoro e con i lavoratori.
Questo governo non vuole cambiare l’Italia, vuole cambiare gli Italiani ai quali ha estorto un voto con promesse non mantenute e non mantenibili. La disponibilità pressoché totale dei mezzi di informazione, da parte del Governo e del suo premier , diventa un problema di democrazia reale, che deve essere risolto. Il conflitto di interessi su questi temi uccide la democrazia e le regole della democrazia.
di A.F.