adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - SPECIALI ELEZIONI 2004

                     11/6/2004 - IL PROGRAMMA - 3

<<<

IL PROGRAMMA PER LA VALDISIEVE
Documento dei candidati a Sindaco del Centrosinistra della Valdisieve

Per continuare un cammino comune:
la Montagna Fiorentina
In Valdisieve e in Toscana, il governo dell'Ulivo e del Centrosinistra ha sempre cercato di stimolare e raccogliere nuove disponibilità e nuove forme di partecipazione alla gestione della cosa pubblica. Occorre difendere e valorizzare un’esperienza di governo che ha garantito sviluppo e coesione delle nostre comunità. Oggi la storia ci invita a compiere ulteriori passi in avanti, la coalizione di Centrosinistra si candida ad un impegno nuovo.
Ci sono alcuni grandi obiettivi sui quali è obbligato misurarsi:
in primo luogo la scelta della pace e di nuovo ordine mondiale;
l’opposizione al declino dell’Italia;
La necessità di riforme istituzionali e organizzative che tengano insieme l’efficienza degli organi esecutivi e un ruolo più chiaro delle assemblee elettive, titolari dell’indirizzo politico e delle grandi scelte di governo del territorio. Il compito delle forze politiche e quello dell’Ulivo, con regole e strumenti partecipativi nuovi, rivolti ai cittadini e alle forze organizzate, dovrà essere quello di favorire una nuova stagione di partecipazione alla vita della comunità, di superare il deficit di rappresentatività e contrastare così la campagna permanente di delegittimazione dei partiti.
Su questi obiettivi può unirsi un vasto arco di forze: quelle che hanno animato i movimenti più visibili e quelle che rappresentano interessi e soggetti sociali a cui il Centrosinistra della Valdisieve guarda da sempre con grande attenzione, lavorando da sempre per ampliare e consolidare le alleanze con il Partito della Rifondazione Comunista e con L’Italia dei Valori.
La Valdisieve e L’area Fiorentina
Negli anni dal 1999 al 2004, il progetto del cosiddetto Polo Sud-Est ha assunto rilievo ed autonomia soprattutto rispetto all’evoluzione delle politiche territoriali in ordine alla “Città Metropolitana Fiorentina”: esso si deve configurare nei prossimi anni come un progetto originale per dare rilievo e piena dignità istituzionale alle politiche condotte in questa area.
Il nostro sistema rivendica la vocazione di essere interlocutore di Firenze come grande città metropolitana dell'Europa dei nostri giorni, una città moderna, flessibile e policentrica.
I punti di riferimento della nostra strategia di area si individuano i seguenti temi:
L’ambiente e il Fiume. Tra le molteplici tematiche che compongono il quadro di riferimento dell’area Sud-Est hanno come primario e irrinunciabile interlocutore la città di Firenze, ma un tema deve essere segnalato in modo esplicito: l'acqua, l'Arno e la Sieve.
Inclusione sociale, integrazione, lotta contro nuove povertà, qualità della vita e formazione. Lo scopo ultimo di ogni programma amministrativo e politico di una coalizione che si richiami al centro-sinistra è l’innalzamento della qualità della vita dei cittadini, in particolare di quelli più bisognosi.
La sanità, salute ed assistenza. Il nostro impegno sarà lavorare per la riunificazione del territorio nell’ambito delle
nuove sperimentazioni della società della salute.
Lo sviluppo. In questo contesto il distretto rurale si pone come un’occasione da cogliere appieno nell’arco del mandato. Non si crea un nuovo livello istituzionale, ma viene data legittimità politica e sociale ad un processo di integrazione economico-territoriale, capace di dialogare con l’esterno e apportare contributi propositivi per la programmazione e la pianificazione economico-territoriale.
Infrastrutture. Il problema delle infrastrutture è centrale per il governo dei processi di sviluppo della Valdisieve e dell’intero Sud-Est, a partire dalla realizzazione della Variante alla SS 67 nel tratto S. Francesco - Dicomano, prevedendo varianti ai centri abitati, con particolare riferimento a Rufina e Dicomano e alla messa in sicurezza degli altri tratti e la riorganizzazione del collegamento viario tra Pontassieve e Firenze. confermando la nostra opposizione alla ipotesi di bretella autostradale. Per quanto riguarda il trasporto pubblico su rotaia e su gomma, è prioritario:
- rendere efficiente il servizio ferroviario;
- riorganizzare i trasporti scolastici con una forte integrazione con il TPL su gomma;
- mettere a punto un programma integrato di servizi che unifichi la progettazione per l'intero sistema dei trasporti.
I servizi - Le linee essenziali per affermare i principi della nostra azione sono:
una politica tariffaria caratterizzata da forti elementi di progressività e con particolare attenzione alla salvaguardia delle fasce sociali più deboli;
la necessità di attuare il risparmio sui costi di produzione dei servizi, attraverso l’ampliarsi delle economie di scala;
lavorare ad una nuova dimensione del “pubblico” dove gli elementi portanti restino la valorizzazione del ruolo delle comunità locali attraverso le assemblee elettive e la partecipazione dei cittadini alle scelte.
E’ necessario fornire un servizio efficiente ai cittadini che garantisca l’igiene urbana, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nel sistema più rapido ed efficace possibile.
L’obiettivo dei prossimi anni dovrà essere quello dell’incentivazione a produrre meno rifiuti.
La gestione del ciclo integrato delle acque ha un’importanza fondamentale nella vita di tutti i giorni. Quindi una politica positiva in questo settore non può essere misurata con il metro del “mercato” (più prodotto venduto uguale più efficienza), ma deve essere ispirata ad un uso razionale della risorsa acqua, con la lotta agli sprechi, con una azione continua che porti ad una riduzione dei consumi pro-capite. Cio’ vuol dire che non solo risulta indispensabile mantenere in mano pubblica la proprietà della risorsa, la programmazione degli investimenti e le politiche tariffarie, ma la stessa gestione dei servizi in questo settore non può entrare nella logica delle privatizzazioni selvagge e del “mercato”. Le scelte fino ad oggi compiute nell’ATO 3, l’affidamento ad un unico gestore (spa a maggioranza pubblica) e le funzioni assegnate all’autorità di ambito, hanno bisogno, per essere sostanziate in coerenza con i principi sopra richiamati, di un ruolo forte di indirizzo e di controllo, che le comunità locali debbono esercitare attraverso le assemblee elettive.