adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.7 - DICEMBRE 2004

                     20/12/2004 - Eccidi nazifascisti

<<<

1944 - 2004 - Sessantesimo Anniversario degli eccidi nazifascisti in Val di Sieve.


Gli Eccidi Nazisti della Consuma, Lagacciolo e Podernovo.
25 agosto 1944

Grande era l’importanza strategica della strada statale n. 70 che trasvalica questa zona dell’Appennino, per mezzo del passo della Consuma, alto 1080 metri. Nell’agosto 1944 questo passo era una delle porte aperte verso il Nord dove l’esercito tedesco stava scappando, incalzato dalle forze di liberazione. Infatti gli Alleati erano entrati in Firenze l’11 agosto, il 22 a Pontassieve, il 24 a Pelago e il 28 come ci raccontano le suore: “verso le 7 di mattina si notò il primo carro armato inglese sulla strada di Podernovo”.
In questo contesto si verificarono i tragici fatti della Consuma, Lagacciolo e Podernovo.
Il 10 agosto l’intera zona della Consuma viene evacuata . La notte del 22 agosto soldati tedeschi sgomberano la fattoria di Moscia. Le suore cacciate, insieme ad alcuni padri vallombrosani presi prigionieri sulla strada, sono trasferiti con la forza nella villa di Podernuovo. Poi una successiva selezione riduce gli ospiti della Villa a sei soltanto.

Il 25 agosto 1944 ore 18,30 una pattuglia di Tedeschi, armati di bombe, di fucili e di mitragliatrici, penetrò a Lagacciolo, nella villa del sig. Peragallo, dove erano sfollati molti della Consuma, interrompendo la cena degli abitanti, i tedeschi vollero mangiare.
Ad un tratto si alzarono, con la durezza loro abituale, comandarono alle donne, ai bambini di entrare nella piccola stanza attigua alla cucina. Quando tutta quella povera gente fu rinchiusa nella piccola stanza, i componenti la pattuglia, con ferocia di belve, vi scagliarono bombe a mano e sparano numerosi colpi di mitra: vengono uccise nove persone, un uomo di sessanta anni, tre donne, cinque bambini; vengono poi feriti un vecchio di ottanta anni, cinque donne, tre bambini.
Anche nella villa Podernovo le cose seguono un copione simile, anche se qui non viene chiesto nessun pasto, ma i tedeschi arrivano ed immediatamente iniziano a sparare e lanciano granate. Muoiono due uomini adulti, quattro donne, due ragazzini. Vengono feriti due bambini e due donne.
Infine altre due vittime vengono uccise nella fattoria di Podernovo e due vengono ferite.

I nomi dei Martiri - Villa Lagacciolo:
BECCACCI Giuseppe 60 anni
PRATESI Maria 39 anni
PRATESI Loretta 14 anni
PRATESI Romano 10 anni
PRATESI Marisa 12 anni
PRATESI Bruno 5 anni
PRATESI Graziano 7 anni
BROGIANI Olimpia 54 anni
PICCOLOMINI Tina 39 anni

I nomi dei Martiri - Villa e Fattoria Podernovo:
SESTINI Renato 40 anni
SESTINI Domenica 39 anni
SESTINI Piercarlo 14 anni
SESTINI Gianfranco 15 anni
DINI Carolina 40 anni
MAZZINI Alda 31 anni
CONSUMI Emilia 48 anni
FAGIOLI Maria 45 anni
CARLETTI Giuseppe 68 anni
CARLETTI Concetta 62 anni

Eccidio alla Fontana di Sandro

Il 4 settembre 1944, come viene anche confermato dal diario delle suore, dei soldati inglesi, catturati dall’odore della morte, ritrovammo presso la Fontana di Sandro in via Palagi Consuma, i tre corpi di Nanni Renata di anni 23, di Consumi Lorenzo di 12 anni, e di Tirinnanzi Gioconda in Nanni di anni 32.
Dallo stato di avanzata decomposizione, si desunse che queste tre persone fossero state uccise parecchi giorni prima, forse quello stesso tragico giorno del 25 agosto degli eccidi di Lagacciolo e Podernovo.

di G.C.