adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.5 - OTTOBRE 2005

                     8/11/2005 - DOTTORGIANNONI

<<<

L’opinione
Caro Nanni
Oggi non parlerò né di passeracei segretari, né di sindaci che dicevano di essere comunisti e facevano portare il figlio alla scuola dei preti, non a quella pubblica, con la macchina del Comune, anche se c’entrano con quello che sto per scriverti.
Negli ultimi tempi mi sono interessato sul dove e sul come inizi la mente nel cervello ed in che cosa consista. Mi sono convinto che la mente risulti essere nella forma che assume la materia del cervello, nella particolarità della forma strutturale molecolare delle cellule nervose che fa loro assumere quella particolare funzione, nella forma che assumono le innumerevoli cellule che compongono il cervello con le loro interconnessioni, con le loro influenze reciproche, nell’accavallarsi di sensazioni, di emozioni, ricordi, rapporti col mondo esterno (tramite quelle strutture particolari degli organi sensoriali periferici, l’occhio, l’orecchio, gli organi sensoriali del tatto, del gusto, dell’olfatto, del dolore). La mente insomma non consiste nella materia del cervello bensì nella forma che assume. Cosiccome l’essenza, la bellezza, la magia della “Pietà” di Michelangelo non consiste nel marmo bensì nella forma che Michelangelo dette a quel marmo.
La forma è più importante dei suoi componenti.
Così si può affermare per ciò che concerne le molecole (ed è più evidente nelle molecole organiche che nella loro sempre maggiore complessità possono arrivare, come nel DNA, alla vita. La vita consiste nella complessa forma che possono raggiungere determinate molecole, sempre le stesse. però diversamente strutturate ed articolate, anche nel numero, per determinare le varie specie animali).
Il tutto in una perfetta armonia logica ed è incomprensibile capire il perché della causa prima; ad un certo punto ci si ferma per forza.
Non voglio dilungarmi di più per non rendere troppo complesso il discorso. Se qualcuno è interessato mi scriva, anche all’indirizzo del nostro foglio, gli manderò i miei appunti.
Bene, un problema importantissimo della nostra mente riguarda la coscienza, quello specchiarsi della mente umana in sé stessa, una specie di doppione di noi stessi che ci giudica, che ci controlla; Anch’essa regolata dalla logica.
Ed eccoci arrivati al tema della lettera che oggi ti scrivo, caro Nanni, alla questione morale.
La coscienza è l’attività che distingue l’uomo dagli altri animali; da tutti gli animali, compresa la scimmia. Tranquillamente si può affermare che chi non usa la propria coscienza o non ce l’ha non è un uomo, tutt’al più uno scimmione; non un uomo.
Un’attività molto, molto complessa e complicata in cui confluiscono emozioni, considerazioni, meditazioni, scelte. Soprattutto scelte.
Una parentesi: ci sono certamente nei tuoi ricordi
scolastici, quelle espressioni algebriche, righi interi di parentesi circonflesse, di parentesi quadre, di parentesi tonde, di infiniti “più”, di “meno”, di “diviso”, di “per”, di lettere dell’alfabeto ( di solito erano “a”, “b” e “c”, magari al quadrato o al cubo), che progressive semplificazioni portavano alla soluzione :uguale ad 1, uguale a zero. È ciò che di importante mi è rimasto dell’algebra per arrivare a risolvere i vari problemi della vita. Analizzarli cioè nelle varie componenti, semplificare per arrivare al nocciolo del problema.
Così per la coscienza.
L’andare a ritroso lungo l’insieme delle varie importanze, delle varie considerazioni, meditazioni, ricordi, scelte, porta alla scelta decisiva, fondamentale: “Io sto bene se anche gli altri stanno bene” trovando sicurezza, pace e soddisfazione, godendo insieme agli altri di ciò che la Terra mi offre; oppure : “Io sto bene se sto meglio degli altri, sto bene se gli altri stanno male”, in una ricerca senza fine di un potere e di un benessere individuale che mai permetterà di essere soddisfatti, nella smania di volere sempre di più, di volere depredare gli altri, di approfittarsi degli altri. Lasciando dietro di sé lacrime e sangue, e disonore e dispregio nella presunzione di essere superiori, e per questo averne diritto. Questa “razza padrona” non si accorge di rompere quella logica armonia della vita e della materia. Il suo inno transnazionale è quel: “Ona ona, o che bella rificolona”!
In tale ordine di idee fa schifo soprattutto l’ipocrita, chi afferma di fare l’interesse degli altri mentre vuol fare, e fa, l’interesse proprio, l’ipocrita che dice di voler essere povero ed invece vuole due belle pensioni, (tanto per intendersi la Rosi Bindi), l’ipocrita che fa la guerra e afferma di volere la pace. E’ questione di logica e di etica. Ciò non solo indigna ma fa schifo.
In questo quadro, come vedi caro Nanni, c’entra il passeraceo segretario e tanti peggio di lui; c’entra il sindaco fedifrago; c’entrano i deputati ed i politici che decidono i loro vergognosi stipendi, che creano gli enti pubblici per sistemare sé stessi e gli “amici” (che sarebbe più appropriato chiamare “comparuzzi”). Finché tanti bischeri saranno d’accordo.
Caro Nanni, possiamo essere orgogliosi che da tre anni e più dibattiamo questi problemi sulle paginette del nostro giornaluccio, problemi che solo ora sono arrivati sui giornali cosiddetti grandi.
Ma una lettera non basta per affrontare il problema, arrivederci dunque alla prossima volta. Ti saluta

il tuo dottorgiannoni.


P.S. Ho incontrato persone che, non avendo la “Divina Commedia”, mi hanno pregato di scrivere i versi di Dante da me citati nella scorsa lettera. Dante, nei versi citati, è nella palude Stigia, nel profondo dell’inferno. Il “la sù” indica la Terra. Ecco i versi
“ Quanti si tegnon or la sù gran regi
che qui staranno come porci in brago,
di sé lasciando orribili dispregi!”.

Mi scuso per aver citato Dante senza trascriverlo.
Il dottorgiannoni.