adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2007

                     24/5/2007 - ENERGIA PER IL FUTURO

<<<

LA STRATEGIA EUROPEA.
Il futuro del pianeta secondo il rapporto O.N.U.
di Alberto Trifoglio

La società attuale in qualsiasi parte del mondo si viva ha bisogno sempre di più di energia, già adesso che la situazione è critica, in futuro lo dovrebbe essere di più! Perché è critica? E’ sotto gli occhi di tutti il problema ambientale e cioè il riscaldamento globale dovuto alle emissioni antropiche principalmente della CO2. Se lo scenario che si prospetta è quello di dover dare energia a miliardi di esseri umani che sicuramente vorranno la corrente elettrica, le auto e tutti gli accessori che divorano energia come i computer, telefonini, TV, condizionatori e tutto quello che ogni giorno la tecnologia scopre,si va verso un mondo in cui, preoccuparsi del problema energia, è il minimo che si possa fare e la domanda è:come e dove troviamo queste fonti e poi basteranno per tutti ? Se la tecnologia non ci verrà incontro con scoperte o sistemi di razionalizzazione dell’uso energetico credo che da qui a poche decenni entreremo in una grossa crisi sia tra i popoli sia anche nel termine energia in se stessa.
La comunità europea che si è prefissa di essere all’avanguardia nei problemi energetici a difesa dell’ambiente senza interrompere lo sviluppo economico e quindi quello della nostra società e dei nostri consumi, ci ha dato delle direttive! Chi vi parla ha avuto l’onore di assistere circa tre mesi fa in diretta, in una delle sale della sede di Bruxelles delle commissione europea, alla esposizione di questo programma che adesso è ampiamente diffuso con i mezzi di comunicazione.
Vorrei preventivare una mia opinione che è ovvia e credo che anche voi la pensiate come me! La crescita economica non si arresta, la volontà è quella di sostenere il nostro sistema e ritmo di vita senza privarsi di niente solo cercando di consumare meno e di usare energie pulite il tutto per abbattere il 20% entro il 2020 delle emissione nocive che favoriscono l’emissione di CO2. credo che su questo si debba essere d’accordo ma io ho molti dubbi che questo diciamo programma fatto sulla carta possa tornare, ci sono molte situazioni non prevedibili che si possono avverare, ad esempio che il problema ambientale debba essere da tutti sottoscritto e rispettato cioè che tutti ci impegniamo affinché non si abbattano foreste e si limiti l’emissione di CO2 nell’atmosfera e poi, questo già innestato meccanismo di inquinamento atmosferico con riscaldamento globale fino a più di due gradi, si accentuerà o rallenterà come vorremmo noi?
A sentire i tecnici incaricati dall’ONU il futuro è molto critico, se non rallentiamo le emissioni di CO2, sembra però che questa volta gli Stati Uniti e la Cina abbiano capito e la rotta del risanamento ambientale e della drastica riduzione dell’emissione di idrocarburi nocivi all’atmosfera sarà da loro rispettata. D’altronde i danneggiati dal surriscaldamento saranno anche loro e quindi non hanno scelta. Meglio tardi che mai , ma la mia preoccupazione è appunto che non tutto può essere calcolato, l’equilibrio di quello che accade sulla crosta terrestre è collegato a molti fattori e ve ne dico uno, se i ghiacciai si sciolgono il peso del mare aumenta e quindi per controbilanciare questa nuova e diciamo improvvisa (geologicamente parlando) situazione può comportare ad esempio terremoti, assestamenti, nuove eruzioni vulcaniche ?.. spero di sbagliarmi….
Alberto Trifoglio