adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.1 - GENNAIO 2008

                     10/5/2008 - DOTTORGIANNONI

<<<

L’opinione del dottorgiannoni
Caro Nanni
“mala tempora currunt”, “corrono cattivi tempi”. Se non sbaglio mi pare di avere iniziato cosi una precedente lettera. Ma ora il momento è peggiore, allora avevamo speranza che cambiassero gli avvenimenti mentre, adesso, per sperare, bisogna essere eroi o eccessivamente fiduciosi nel futuro, visto quello che ci offre la piazza.
Conosci le mie idee: non c’è da dividere le persone fra quelle di destra e quelle di sinistra, le parole non esprimono più il loro significato, non si riesce più a sapere cosa significa destra e sinistra; si scambiano le mele per le mele e le fave per le fave). Di fatto le persone si dividono fra chi vive bene se anche gli altri vivono bene e chi vive bene senza curarsi di come gli altri vivono (e fra questi ci sono quelli che vivono bene se gli altri stanno male, vedi quel brutto muso di Dini, tanto per citare qualcuno). Punto!
Non si conosce il significato delle parole: certi figuri, ipocriti se non loschi, fanno politica per il loro interesse dicendo di essere di sinistra ( vedi certi amministratori dei dintorni insieme a tanti altri che troppo lungo sarebbe elencare), Il bello è che ci sono tanti e tanti (bischeri) che non sanno distinguere. Un insieme di idee e di cose (in realtà specchio per allodole) presentate appetibili ed interessanti hanno fatto sì che la gran parte della gente non pensi e non badi più alla immoralità della pubblicità che non serve a far conoscere ciò che serve ma soltanto per ingannare il prossimo.”Guardatevi dai falsi profeti” diceva un tale ed ora ci sono troppi falsi profeti (uno è la pubblicità). Ma non si pensa più ed il gioco è fatto: “rien ne va plus” ed il banco vince. Non si pensa p.es. che il prestito facile diventa strozzinaggio, che le vendite a rate sono una trappola, che il tasso zero è un inganno.
Per esempio: è il 60° della nostra Costituzione ma chi ha fatto di tutto per non applicarla parla di bellezza della Costituzione Italiana; è tutto dire e non ci si pensa;è bella ma non deve essere applicata altrimenti il sistema in cui si vive va a rotoli.
Bisogna essere masochisti per dire che il sistema va bene, che è bene far quattrini ad ogni costo, (per fare quattrini hanno convinto che fosse un affare il comprare dalle banche i debiti di qualcuno ed anche il vendere alle banche i propri debiti). Non pensiamo! Non pensiamo! Ci merita? Chi lavora da dipendente (e sono i più) riscuote più o meno quanto riscuoteva anni fa e paga le tasse fino all’ultima lira riscossa. Risulta che lavoratori indipendenti, prendono più del 15% di anni fa senza contare quello che riscuotono al nero. Bene: base essenziale per il buon funzionamento della sanità oltre alle regole morali è indispensabile pagare le tasse. Tutti. Di solito artigiani e commercianti (che di solito non sono straricchi) si servono del Servizio Sanitario pubblico ma si rammaricano, di solito, del modo di funzionare del Servizio Sanitario pubblico quando trovano tutti i modi per non pagare le tasse.
Viene a proposito di parlare della Sanità: Servizio Sanitario Nazionale non vuol dire che chi lo dirige e chi ci lavora deve essere nominato da chi governa; chi governa deve dare le direttive sul come debba funzionare, se deve esistere o non. Si presume che un determinato modo di governare lo promuova per tutti, poveri e ricchi (e magari gratuito per i più bisognosi) traendo le risorse dalle tasse di chi le può pagare, non permettendo di farci il “pizzo” sopra. Si sa che un altro modo di governare voglia eliminare il S.S.N. riportando nelle mani dei privati tutta la Sanità senza tasse da pagare; chi ha i quattrini si cura, chi non li ha può crepare. Chiaro no? Basta pensarlo, saperlo e ricordarselo alle elezioni.
Però….Però…Il Servizio Sanitario pubblico particolarmente in Campania, in Sicilia ed in Calabria è davvero pubblico oppure è nelle private mani di Mastella e compari, dei mafiosi aiutati da Cuffaro e della ‘ndrangheta? Inoltre anche se il sistema di nomina dei dirigenti è lo stesso c’è una differenza di indirizzo politico fra la Toscana e la Lombardia? Pensate sui fatti anche se è faticoso. Sconfino nella psichiatria: si deve badare a contentare case farmaceutiche e continuare con la psichiatria dell’ottocento, o magari cambiando la prassi psichiatrica, si deve badare che “i pazienti” superino le loro sofferenze uscendo dalle solite grinfie di tanti che si dicono psichiatri?
Pensare: ci avevano detto che aumentare 130 euro al mese a chi facendo l’operaio, il contadino, il muratore prende 1.000- 1.200 euro al mese voleva dire mandare allo sfascio la nostra economia. Bene ma i sindachini che ne prendono più di 3.000 (figurati i sindaconi), i politici smessi o trombati che ne prendono sui 10.000 euro e più, i deputati, gli uomini del governo, i componenti dei gradi superiori della magistratura che ne prendono più di 15.000 al mese, quelli che vivono (benone) di politica, i grandi amministratori (delle ferrovie, dell’Alitalia ) che come buonuscita invece di andare in galera prendono 2-3.000.000 di euro, loro la risolvono l’economia che va a rotoli? Fammi capire.
E ora, caro Nanni, parlo della recente crisi di governo. Sono d’accordo che la miccia l’ha accesa Mastella (ed essere suo amico deve far vergognare chiunque) ma altri hanno preparato la carica esplosiva e la miccia. E’ palese che responsabile non sia stata la sinistra radicale o estrema (così dice chi si auto-definisce ben-pensante) che (tra l’altro), non ha nulla né di radicale né di estrema salvo quel cane sciolto di Turillazzo; e non è stato soltanto Mastella (come si blatera); anche lui, ma in combutta con chi, nell’Unione, rappresentava idee retrograde e avverse al miglioramento sociale e culturale della gente esclusa dai privilegi, il cui rappresentate di spicco era quel ceffo di Dini (gran bella coppia lui e la moglie) insieme a tanti, della ex “margherita”, che hanno fatto di tutto ché Prodi ed il suo governo perdesse la faccia quando si accorsero che certe istanze popolari potevano, pur se in parte, trovare accoglimento. Anche Veltroni, che ci ha messo di suo per screditare Prodi (Veltroni sembra davvero un vecchio esponente D.C., non ha saputo o voluto rispondere per le rime al papa cui poteva ribattere: “se la santità vostra fa pagare alla chiesa le tasse che non paga potrei fare di più per Roma”); lui, cui dà al naso la sinistra “estrema”, vuol mostrarsi come salvatore della patria. E qui non posso stare zitto; affermo che anche la chiesa cattolica ha cercato tante volte,in tutti i modi di screditare Prodi, in accordo con la
destra. Lo sappiamo da tempo che alla chiesa piacciono più i fascisti che le sinistre, che era d’accordo più con Mussolini che con Matteotti, che gli va più a genio il berlusca che Prodi, Mastella ha avuto il consenso per il suo operato
in Piazza San Pietro da un massimo esponente dello Stato del Vaticano. La mina poi fu fatta brillare al tempo giusto, verrebbe da pensare in combutta col berlusca & compari.
Si devono fare le elezioni subito, le vuole anche l’ipocrita di Montezemolo che si augura in cuor suo che vinca chi gli fa più il proprio gioco, la chiesa le aspetta, le aspetta l’alta finanza (“non se ne può più di un governo così”), le aspetta chi non pensa. Fai la prova del nove, Nanni: a chi giovano le elezioni subito?
E’ vero. Non si può vivere in un mondo così corrotto. Quando vediamo che si vuol riconoscere come onesti Mastella e Cuffaro (ma “mafia” cosa vuol dire?), quando vediamo quel che accade in Campania ed in Calabria, quando vediamo che il berlusca si è da se stesso assolto con una legge da lui varata. (Ma si vuol vietare di evidenziare questa immoralità; significa che l’immoralità è accettata da chi detiene il potere). Per esistere l’immoralità deve essere sostenuta; la mafia esiste non solo perché c’è la mafia ma perché il sistema mafioso piace a troppi e fa fare affari. Contro il nostro interesse. E contro il nostro interesse fa comodo che si vada subito alle elezioni. Troppi

disonesti vogliono le elezioni subito, tanti che non pensano ad altro che ai loro personali interessi economici col voto di chi non è abituato a pensare affatto.
Parlare degli errori del governo Prodi è come piangere sul latte versato. Però se il berlusca continuava a fare campagna elettorale dopo le elezioni, anche la cosiddetta Unione doveva continuare a farla, anche con scelte economiche; con maggior vigore dato che le aveva vinte. Non si doveva vergognare di aver fatto la campagna elettorale contro il berlusca, l’aveva fatta per impedire a quel figuro di continuare a fare politica per i propri interessi e contro chi non ha potere economico, dati alla mano. Ho capito però perché non si è fatto la legge sul conflitto di interessi, forse ce l’aveva anche qualche amico, forse anche la famiglia Prodi, quella di Mastella, forse anche quella di Domenici, insieme a tanti che predican bene e razzolan male. E si sa che Prodi, come tanti di quel branco, hanno l’abitudine di “uscire rinculando facendo finta di entrare”. Comunque di Mastella, del berlusca, di Prodi, della “sinistra”, del P.D. ne avremo modo di riparlare.
Un abbraccio dal dottorgiannoni, cui veramente girano (come a tanti).