adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.1 - GENNAIO 2008

                     10/5/2008 - SANITA' IN VALDISIEVE

<<<

RIFLESSIONI
Non cambia mai nulla.
di Renzo Cammelli (*)
In Val di Sieve i cittadini da sempre denunciano carenze riguardo i servizi sanitari, anche se le stesse denunce con relative petizioni, O.d.G. raccolta firme sono rimaste sempre ad un livello di pura protesta senza mai poter usufruire di uno sbocco politico.
Credo che sia giunto il momento alla luce di un ulteriore peggioramento dei servizi di analizzare i punti dolenti della nostra situazione.
Da circa due anni la Val di Sieve ha perso un “Servizio di Primo Soccorso” che si trovava presso la “Casa di Cura Val di Sieve di Pelago”. La ASL Fiorentina ha ritenuto opportuno non rifininanziare il progetto di primo soccorso per i costi eccessivi dello stesso; In alternativa a questa decisione il “Nulla”, la gente che ha bisogno di prestazioni di primo soccorso o si reca nello ospedale pubblico più vicino (Ponte a Niccheri) oppure si paga la prestazione presso la Casa di Cura Val di Sieve.
Ad aggravare questa situazione di disagio per la gente della Val di Sieve la situazione che si è creata nel Poliambulatorio di San Francesco ( unico presidio sanitario per 45.000 abitanti). La struttura è ridotta a lavorare con sei infermieri per tutti i servizi offerti alla cittadinanza dai vari specialisti ai cento prelievi giornalieri, a tutti i servizi di fisioreparia ecc.
La situazione che si è creata nel Poliambulatorio ha già effetti pratici sui servizi, infatti il sabato vengono effettuati solo 30 prelievi rispetto ai cento, perché i due infermieri devono collaborare con due ambulatori specialistici che
correrebbero il rischio di non aprire. Abbiamo medici che lavorano da soli senza l’aiuto dell’infermiere (l’attuale organizzazione senza infermieri di supporto non prevede l’apertura dell’ambulatorio).
Pensionamenti, malattie del personale, hanno ridotto del cinquanta per cento gli organici, e anche su questo punto non si vede nessun intervento da parte della ASL Fiorentina.
E’ giunto il momento che i tre Sindaci in prima persona affrontino questa situazione, non è possibile che solo i tre Assessori al Sociale dei tre Comuni siano i referenti presso la ASL. I Sindaci devono su questa battaglia coinvolgere la popolazione contro l’indifferenza della ASL, non è possibile seguitare la strada degli incontri che hanno un sapore di carboneria senza mai coinvolgere la popolazione. Per risolvere questo, c’è bisogno del concorso di tutti; i tre Consigli Comunali, i sindacati, Associazioni del Volontariato, le Associazioni di categoria e solo i Sindaci possono essere il collante di questa azione.
Non mettere mano a quanto denunciato può portare alla chiusura pomeridiana del Poliambulatorio di San Francesco.
Ulteriore chiamata ai Sindaci della Val di Sieve a titolo informativo: Il Valdarno con un Ospedale Serristori ancora operante a Figline Valdarno, dispone anche di un Poliambulatorio in una zona con una popolazione numericamente uguale alla nostra, con il doppio di infermieri professionali nella loro struttura.
Son loro bravi, o noi deboli? Ai lettori la valutazione del caso. (*) Partito Socialista Val di Sieve