adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2008

                     30/5/2008 - NESSUNO AUTOSUFFICIENTE

<<<

Nessuno si può sentire autosufficiente.
Di fronte all’imponente slittamento a destra che si è verificato alle elezioni politiche del 13-14 aprile e che ha avuto per protagonista anche le regioni più avanzate del Nord e per partito gratificato la Lega, la riflessione dovrà essere stavolta veramente ampia e approfondita, tanto più perché esso si è verificato dopo un Governo, quello Prodi, che vedeva la partecipazione di tutte le componenti della sinistra “radicale”.
Di fronte ad una sconfitta come quella che ha colpito tutto lo schieramento di centro-sinistra e di sinistra, nessuno può dirsi autosufficiente. Certamente non i socialisti il cui risultato è stato negativo oltre ogni aspettativa. Certamente non la Sinistra Arcobaleno, che vede polverizzata un’alleanza a quattro che era partita con grandi ambizioni. Ma neanche il Partito Democratico di Veltroni può considerarsi autosufficiente visto che il 33% è molto lontano, non solo dalla maggioranza assoluta del 51% ma anche da quel 45% che può consentire una maggioranza relativa.
Il “ricatto” non solo politico ma anche morale lanciato da Veltroni: “Votate me, sennò favorite Berlusconi”, ha funzionato prosciugando una sinistra naturaliter anti-berlusconiana. Ma ha forse funzionato al di là delle aspettative di chi lo ha lanciato: non c’è stato nessun recupero al centro e oggi il PD si trova collocato nella posizione a lui scomoda dell’estrema sinistra dell’aula parlamentare. Speriamo che questa consapevolezza della non-autosufficienza si estenda via via a tutti questi protagonisti e permetta la ripresa di un discorso nuovo.
Almeno questo il compito che attende gli spiriti illuminati e non faziosi in una “Sinistra Nuova”.
Quanto al centro-destra, questo schieramento deve avere la consapevolezza che, se esso è diventato maggioritario, lo deve alla gravità dei problemi economici e sociali del Paese. Passata l’euforia, questi problemi non tarderanno a presentarsi e dovranno essere affrontati con molta serietà.
Valdo Spini