adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2008

                     30/6/2008 - MENSA PONTASSIEVE

<<<

Esternalizzazione del Centro di produzione pasti del Comune di Pontassieve e del Servizio di ristorazione scolastica per i Comuni di Pontassieve Pelago e Rufina.


Dopo tanto discutere sui giornali di monoporzione tra genitori, insegnanti, forze politiche e giornali, ora un nuovo argomento interesserà il mondo della scuola e questo riguarda la ristorazione scolastica, e più precisamente la esternalizzazione del Centro di produzione pasti del Comune di Pontassieve e del servizio di ristorazione scolastica per i comuni di Pontassieve Pelago e Rufina.
Infatti il Comune di Pontassieve in qualità di Ente Capofila dei comuni di Pontassieve, Pelago e Rufina, ha indetto una gara di appalto per la gestione del servizio di ristorazione scolastica per alunni ed aventi diritto per le scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado ubicate nei comuni sopra indicati e la gestione del centro di produzione Pasti di proprietà del Comune di Pontassieve.
L’appalto avrà decorrenza dal 1 settembre 2008 (prossimo anno scolastico) al 31 agosto 2011 ed è prevista la proroga per altri 3 anni., come pure è previsto un periodo di prova sino al 31 dicembre 2008.
Il bando prevede un numero potenziale di utenti di circa 300.000 pasti annui. Mente il prezzo base d’asta è indicato in € 4,95 oltre Iva a pasto, con un valore presunto dell’appalto di € 4.445.000,00. E’ previsto che in ogni caso sarà corrisposto alla ditta aggiudicatrice il corrispettivo dovuto per i pasti effettivamente somministrati.
L’appaltatore per la fornitura del servizio di ristorazione utilizzerà i locali del Centro Produzione pasti di proprietà del comune di Pontassieve, ubicato in via Lisbona a Pontassieve. I locali, le attrezzature e gli arredi vengono concessi all’appaltatore in comodato d’uso gratuito.
La gara di appalto è del tipo procedura aperta con aggiudicazione a favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art. 83 del D.lgs 163/2006.
Vi sono poi nel bando il tipo di menù estivo e invernale, le tabelle dietetiche, la grammatura invernale ed estiva, le tabelle merceologiche delle derrate alimentari e i limiti di contaminazione microbiche, oltre alla possibilità di utilizzo del personale del Comune.
Sin qui la descrizione per sommi capi di questo appalto, ma sorgono spontanee alcune considerazioni e riflessioni.
In primo luogo di metodo. L’appalto del servizio è stato deciso con una direttiva di Giunta Municipale. Manca dunque uno specifico atto di indirizzo del Consiglio Comunale (si tratta, infatti, di una modifica nella gestione di un servizio, dunque di competenza consiliare).
Ci si domanda inoltre se era opportuno appaltare un servizio come la ristorazione scolastica, un servizio molto delicato, decisione contro tendenza rispetto ai comuni della Provincia, cioè quella di tornare alla gestione diretta del Comune, perché dà maggior garanzie per le famiglie e gli utenti. Se vi sono motivi a noi sconosciuti, a maggior ragione un dibattito e un pronunciamento del Consiglio Comunale sarebbe stato quanto mai opportuno. Se poi vi sono stati errori di gestione, questi dovrebbero coinvolgere lo Staff del Centro Produzione Pasti e il suo Responsabile, figura nominata del Sindaco Mairaghi.
Certamente il servizio di ristorazione scolastica era già oggetto di forte contestazione da parte delle famiglie per la somministrazione dei pasti con la monoporzione usa e getta e per le stoviglie di plastica, anche se nel dicembre scorso era intervenuto un accordo in Regione al fine di superare questo tipo di somministrazione e tornare in tempi ragionevoli alla preparazione pasti in pluriporzione.
Altra considerazione riguardante l’appalto, è l’uso gratuito del Centro Produzione Pasti e le sue attrezzature. A nostro parere è una decisione sbagliata, in quanto il Centro è costato fior di quattrini, si parla di circa 5 – 6 miliardi delle vecchie lire e di questo investimento non ne verrà nessun beneficio ai cittadini di Pontassieve, anzi si dovranno sobbarcare i relativi mutui contratti a suo tempo per la costruzione del Centro.
Altro riguarda il costo elevato del pasto messo a gara € 4,95, ci risulta che in quei comuni dove esiste questo tipo di appalto (Borgo San Lorenzo e Vicchio) l’importo del pasto è notevolmente minore. A maggior ragione si doveva definire un importo del pasto almeno non superiore a quello dei comuni suddetti in quanto viene concesso l’uso gratuito del Centro Produzione pasti.
Per tutto questo non condividiamo questa nuova esternalizzazione, anche perché non ci risulta che nel programma del candidato a sindaco di Marco Mairaghi, ci fosse il capitolo delle esternalizzazioni o privatizzazioni di servizi comunali, questo significa a nostro parere, che non si è rispettato il programma e il mandato degli elettori. Sarebbe stato ragionevole discutere almeno con le forze politiche che sostengono questa Amministrazione e il mondo della scuola prima di prendere questa decisione per non ripetere errori del passato.
G.C.