adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2008

                     30/6/2008 - 1° MAGGIO

<<<

UN PRIMO MAGGIO DI RIVENDICAZIONE E DI MEMORIA
Di Giovanni Ronchi*


Quest’anno ricorre il 60° anniversario della firma della Costituzione italiana.
“L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro…”.
Così recita il primo articolo della Carta, ma dopo sessanta anni rimane ancora molta strada da fare per rendere effettivo il suo contenuto.
Dobbiamo ringraziare i padri costituenti che ci hanno consegnato una carta costituzionale tra le più belle e ancora modernissima nella sua prima parte, quella dei diritti fondamentali, e che dobbiamo accuratamente difendere.
Ma per i lavoratori, per il sindacato rimane ancora tanto da fare.
Anzi da alcuni anni a questa parte si ha la sensazione che la meta di un lavoro sicuro e dignitoso, di un lavoro che assicuri emancipazione sociale ed economica si stia allontanando.
Infatti questo primo maggio 2008 è un giorno di rivendicazione: più reddito e più sicurezza è ciò di cui lavoratori e pensionati hanno bisogno subito.
Sono questi diritti primari largamente avvertiti nel paese, perché le condizioni di tanta gente, di troppa gente, stanno scivolando nella povertà e nell’insicurezza.
C’è bisogno di lavoro sicuro perché si deve interrompere la lunga scia dei morti sul lavoro, indegna di un paese civile.
E anche la nostra regione è purtroppo protagonista in negativo di questo fenomeno.
Più sicurezza vuol dire più controlli affinché le leggi siano applicate e rispettate.
La sicurezza sul lavoro non deve essere considerata un costo, ma una condizione di civiltà necessaria e utile per la crescita delle aziende.
C’è bisogno di più reddito. Vogliamo più soldi in busta paga e pensioni adeguate.
Ci vuole una riforma della contrattazione che permetta di ridistribuire la produttività ai lavoratori che hanno contribuito a generarla e meno tasse sui redditi da lavoro dipendente e da pensione.
La piattaforma nazionale varata da CGIL, CISL e UIL è chiara e contiene delle proposte concrete che rivolgiamo alle controparti: governo e datori di lavoro.
Il sindacato l’ha elaborata e presentata al governo Prodi e la riproporrà con la stessa forza al governo Berlusconi, perché queste sono le necessità della gente che rappresentiamo.
Inoltre ci vuole un freno all’aumento del costo della vita.
Le tariffe e i beni di prima necessità, addirittura il pane e la pasta e il latte, stanno subendo rincari inaccettabili e insostenibili.
In questo quadro un ruolo affatto secondario è svolto dai comuni, dalle istituzioni locali.
Continueremo con loro la concertazione per evitare che le tasse e le tariffe locali subiscano la stessa dinamica di rincari.
E’ un compito difficile per il sindacato, sia per quello nazionale che per noi sul territorio, e, ora più che mai è importante essere un sindacato che lavora unito che affronta insieme le emergenze che ci stanno di fronte e che deve cercare la propria forza in un rinnovato e più stretto rapporto con i lavoratori e con i pensionati. Con coloro che consegnano al sindacato confederale i loro bisogni e le loro speranze in futuro migliore.
E’ un compito grande e difficile, ma non possiamo e non vogliamo fallire.
*Segretario enerale Aggiunto CISL Firenze