adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.4 - AGOSTO 2008

                     13/9/2008 - RIFORMISMO, DECISIONISMO, POPULISMO, IDEOLOGISMO

<<<

Come è triste e vuota questa estate italiana del 2008. La destra al potere per volere della maggioranza degli italiani. La sinistra in parlamento e quella fuori incapaci di fare una analisi credibile della sconfitta ed ancor di più incapaci di cominciare a reagire, tutti presi dai propri problemucci interni da risolvere. Un populismo dilagante spinto dalla destra che fa breccia tra la gente comune che non sa più dove rivolgere lo sguardo. Ma andiamo con ordine .
IL governo delle destre ha cominciato a varare i suoi provvedimenti. Sicurezza, razzismo, impunità per i potenti, (lodo Alfano, sgombero o più eufemisticamente censimento dei campi nomadi, lotta all’immigrazione clandestina usando spada e faccia feroce. Tutto il mondo ci ride dietro..) e per far vedere che fa sul serio mette i soldati per le strade delle nostre città… Ultima delizia dov’è finita la spazzatura di Napoli? Intanto a scuola si ripristina il sette in condotta ed il grembiule cose anche positive. Ma forse non sarebbe stato meglio far partire una bella campagna di formazione per gli insegnanti protagonisti in negativo ed in positivo della nostra scuola.
IL nostro presidente della Repubblica cerca di far buon viso a cattivo gioco.
Molto diplomaticamente predica il vogliamoci bene ed ogni tanto invita al colle qualche plenipotenziario della destra per spiegare che oltre certi limiti non si può andare, che certi provvedimenti devono essere nei limiti della decenza e delle normative se non italiane almeno europee, e per il momento fanno finta di ascoltarlo. Loro comunque hanno la maggioranza e vogliono governare senza giudici, senza limiti, senza regole con il loro decisionismo.
L’economia italiana intanto va a rotoli, la gente non arriva a fine mese, l’inflazione corre, le tariffe, anche le banche continuano a lucrare legittimamente, i petrolieri anche ( a proposito il petrolio è tornato a 140 dollari il barile circa -20%. Quanto pagate i carburanti ?)
Tremonti ministro dell’economia dice che lui tassa le banche ed i petrolieri. Classico esempio di populismo. per deviare l’attenzione dalle promesse elettorali di diminuire le tasse per tutti, sicuramente per i più deboli. I problemi energetici si risolvono invitando Putin in Sardegna e mandando qualche ministro da Gheddafi con un po’ di promesse. Si inviano inoltre tre caccia in Afganistan a sostegno del nostro contingente che per adesso ne aveva fatto egregiamente a meno per far vedere al mondo che anche l’Italia sa volare….!!
Chi invece non riesce proprio a volare è l’Italia seria che lavora che e vorrebbe un reale cambiamento.
Che vorrebbe innovazione, cultura, moralità pubblica e privata. Questa Italia purtroppo non esiste come forma di governo, come cultura politica poiché siamo fermi ancora all’ideologismo, al populismo, al potere per il potere, non al potere come servizio.
Dobbiamo cominciare a studiare a capire che cosa significa la parola riformismo e poi cercare di dar vita ad una grande stagione di riforme con i lunghi tempi che occorreranno. Fino ad allora la sinistra o ciò che ad essa si richiama, non tornerà al governo in modo serio e credibile.
Inconsapevolmente alcune categorie di cittadini sono state sfiorate da forme di riformismo nel tempo: i contadini del primo novecento, gli insegnanti che alfabetizzarono il nostro paese, gli artigiani del primo dopo guerra, i ferrovieri fra le due guerre mondiali, ma è mancato e manca l’umus culturale per dare vita ad un grande movimento riformista, fatto di grandi ideali quali: la costruzione dell’Europa unita, la lotta alla fame nel mondo, l’accesso per tutti al sapere, la lotta alla corruzione ed allo strapotere economico. Tutti temi di base per un valido programma riformista.
Socialisti coraggio, il congresso è passato, occorre ricominciare da qui. In fondo chi se non il socialismo è sinonimo di riformismo.
Rino Capezzuoli