adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2009

                     30/4/2009 - PENDOLARI ED ALTA VELOCITA'

<<<

A proposito di Pendolarismo in Valdisieve e Alta Velocità sotto Firenze


Gli stessi uomini e donne del monocolore PD in Consiglio Comunale che durante questi 5 anni hanno evitato di capire le ragioni e di farsi coinvolgere dai “Comitati” (Refezione Scolastica Monoporzione, Inceneritore, Memorario) scoprono ora che attivarsi per la partecipazione forse pagherà in termini di minor astensionismo o di voto contrario alle prossime Elezioni Amministrative.
E quindi dopo l’esempio in quel di Firenze del poco edificante spettacolo delle Primarie per il Sindaco, con la lotta per correnti e per gruppi rappresentativi dei poteri politico/economici, ecco che spuntano i volantini sull’ “ALTRA Velocita”.
Hanno scoperto che i lavoratori della nostra zona sono stati penalizzati dal 14 dicembre 2008 quando sono cominciati a passare i primi treni Freccia Rossa dell’Alta Velocità. Solo per inciso: il nome Freccia Rossa pare una gran presa in giro per la Sinistra in genere: porta treni veloci ai “ricchi” e treni sempre in ritardo e schifosamente vecchi e luridi per la massa dei lavoratori pendolari.
Torniamo al problema locale del numero dei binari da aggiungere per far passare per la nostra valle e per Firenze l’Alta Velocita’, e liberare gli altri per I treni metropolitani e regionali.
Trent’anni fa un piccola Cooperativa Emiliana denominata Coopsette vinceva in tutta Italia le gare per Edilizia Popolare emesse da Cooperative di Cittadini per costruirsi la prima casa. Poi magari subito subappaltava a dittarelle locali....svolgendo un ruolo di pura speculazione finanziaria (testimonanzie dirette e personali).
Ora vince una gara offrendo un prezzo di 700 milioni di Euro, riducendo del 24% il prezzo di gara (sic!!) per costruire un tunnel di 7 Km sotto Firenze e costruire la bellissima Stazione TAV Sotterranea di Foster a più di 1,5Km dalla stazione di S. Maria Novella.
Regione, Provincia e Comune guidate da Giunte elette da noi del CentroSinistra, predispongono e acconsentono a un piano di scambio apparente con RFI (Ferrovie dello Stato): RFI costruisce la stazione TAV e in cambio riceve licenze di costruzione per 145 mila metri cubi di edifici residenziali, commerciali e turistici sulle aree ferroviarie dismesse in Firenze.
A parte i 7 anni (teorici) di lavori previsti e il passaggio per mesi e mesi per Firenze di 500 camion al giorno con il materiale di scavo, in contemporanea con I cantieri della Tramvia 2 e 3, a parte i rischi di stabilità per gli edifici pubblici e privati, a parte i rischi per la falda freatica (vedi Mugello..e condanna per Impregilo che Berlusconi elogia..), a parte che Moretti parla di costi attorno a 1,7MLD di Euro. A parte tutto ciò, i nostri politici PD locali snobbarono il Comitato Memorario delle Sieci/Compiobbi del Gennaio 2008 che raccolse centinaia di firme e ora si limitano a chiedere maggior attenzione per i pendolari, senza entrare nel merito ma avallando le decisioni di cui sopra in pieno stile di centralismo “democratico”.
Esiste una soluzione di 6 binari in superficie che non viene presa in considerazione perché costerebbe meno di un terzo e impiegherebbe solo tre anni per entrare in funzione. In termini rapidi ma incisivi, va compiuta quindi una verifica complessiva senza condizionamenti e pregiudiziali di fedeltà a linee precedentemente espresse. A meno che ci siano alcuni interessi da difendere, tipo Telecom, BNL, ACEA (ex) o altri .....
Nel frattempo il pendolari continueranno a soffrire come ora per minori treni disponibili per la sovrapposizione dei TAV sui pochi binari a disposizione.
Ma poi serve davvero un nuova stazione a Firenze con 3 Stazioni di transito già a disposizione, oltre alla bellissima S. Maria Novella, non utilizzabile per i TAV.
I Verdi che posizione hanno a Pontassieve su tale argomento? O ci sono solo sui manifesti 6x3 metri?
F.R.