adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.4 - AGOSTO 2009

                     11/9/2009 - DALLA NORMANDIA ALLE RIVE DELL' ARNO

<<<

di Mauro Messeri

Nei giorni di fine Maggio, si celebra il “Memorial day“, la giornata in cui si ricordano i soldati americani caduti sui vari fronti di guerra, dal secolo scorso ad oggi. Impegni permettendo, mi recavo spesso in queste occasioni, al Cimitero monumentale americano a i Falciani. Personalmente ho sempre considerato la visita come un atto di riconoscenza nei confronti di quei ragazzi, poco più che ventenni, venuti a sacrificare la vita sulle sponde della Pesa, della Greve o dell'Arno. Girando tra le croci di marmo e le stelle di David – solo qui vicino Firenze sono ben 5000 – mi tornarono in mente alcune osservazioni che fece un colonnello dell'esercito USA in visita al sacrario, reduce della Campagna d'Italia 1944 /45.
Lui stesso, allora giovane tenentino, fu spedito nelle spiagge della Normandia, all'alba del 6 Giugno. I primi di Luglio, assestate saldamente le posizioni sul territorio francese, gran parte della sua Divisione fu inviata in Italia, e più precisamente per la liberazione della Toscana e la preparazione all'assalto finale alla linea Gotica.
Così -nel grande mistero della vita- nasce l'appuntamento con la morte: molti giovani, scampati al macello di Omaha beach in Normandia, sono stati falciati dalle mitragliatrici tedesche nel Chianti o nelle ridenti colline di Fiesole. Ha fatto bene il Presidente Obama a presenziare il 6 Giugno alla commemorazione del 65° anniversario dello sbarco, definito il giorno più lungo della storia del mondo.
Non è difficile capire lo stato d'animo del Generale Eisenhower cui pesava la tremenda responsabilità affidatagli dal Presidente Roosevelt, con l'accordo di Churchill, di sferrare l'attacco all'Europa. Sentite le vaghe previsioni del tempo, guardò con ferma determinazione i suoi collaboratori e semplicemente disse: OK andiamo! Era la mezzanotte del 6 Giugno 1944. Un'ondata di un milione di uomini si rovesciò irresistibile sulla costa francese. Già al tramonto era chiaro che il successo poteva dirsi assicurato. Hitler e il nazismo iniziavano a sgretolarsi, epilogo inevitabile di un regime violento e brutale. Intanto nei porti inglesi salpavano in continuazione navi cariche di materiale di ogni genere. Il mondo intero, compresi certi ambienti della nuova Germania, tirarono un sospiro di sollievo. Il Presidente Roosevelt, dopo una presenza alla Radio, si ritirò commosso nella sua camera e scrisse una preghiera per una “pace che consentisse a tutti gli uomini di vivere in libertà, ricevendo la giusta mercede per le loro oneste fatiche“.
Auspichiamo che i toscani e in particolare i fiorentini, giovani e anziani, la cui città è insignita di medaglia d'oro V.M. ricordino con gratitudine ed ammirazione questi giovani militari che da oltre Atlantico sono venuti per restituirci, con l'appoggio delle formazioni partigiane, le preziose libertà democratiche.