adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - DICEMBRE 2009

                     18/12/2009 - VALDISIEVE

<<<

La Valdisieve a Rai International

La Valdisieve nel mondo, attraverso le onde della radio. Infatti, su Rai international, il canale Rai che diffonde in tutto il mondo programmi in lingua italiana (con versioni ridotte in altre lingue) andrà in onda Viaggio in Toscana una serie di sei puntate di 30 minuti che presenta alcuni itinerari storico-letterari in località suggestive della nostra regione. Da Arezzo a Firenze, i due attori-conduttori attraversano il Casentino e fanno sosta a Vallombrosa. Ciò offre l’ occasione di parlare della storica Abbazia ma anche dei vari Comuni della Valdisieve, a cominciare da Pelago e Pontassieve che si trovano nell’itinerario dei due viaggiatori ideali ma anche con una breve digressione su Rufina, Londa Dicomano e San Godenzo.
Si parlerà di Pievi e di Castelli, di grandi artisti come Masaccio e Andrea del Castagno di episodi della storia e, di prodotti tipici locali.
Il programma, registrato negli studi della Sede Rai di Firenze fa seguito al successo della fiction radiofonica Rinascimento in nero che nasce da un mio progetto–soggetto con testi di Bruno Santini e che ha avuto come protagonista Chiara Conti la nota attrice televisiva (Butta la luna,le Ragazze di S.Frediano, La scelta di Laura)e cinematografica, che a Firenze si è cimentata per la prima volta con la radio- e con ottimi risultati - posso aggiungere in veste di regista della fiction.
Anche attraverso questo stretto rapporto con Rai international si ripropone la vocazione e l’ambizione di Firenze di essere ambasciatrice dell’Italia nel mondo. Mentre la presenza di attori del cinema e della tv come Chiara Conti, Bruno Santini (Carabinieri, La Squadra,RIS e una significativa presenza in tutti i film di Pieraccioni ) Amerigo Fontani (La vita è bella) Monica Menchi (Le ragazze di S.Frediano, Don Matteo ) dimostrano che la perenne magìa della radio, con la sua forza evocativa conosce una nuova stagione di rilancio e di vitalità.
Questa è una delle funzioni più rilevanti del servizio pubblico radiotelevisivo: far conoscere il nostro patrimonio paesaggistico, storico, artistico, culturale: un patrimonio di cui la Valdisieve è parte qualificante nell’ambito di quella miniera culturale che è la Toscana. Con questi nuovi programmi cui si aggiungono nuove edizioni del Dr Jembé il fortunato programma di Riondino –Bollani giunto alla sesta edizione (RadioTre) ed i programmi culturali di Pier Francesco Listri.
Da qualche tempo si parla spesso di rilanciare l’attività della fiorentina Sede Rai. Noi (tecnici, registi, autori) stiamo facendo la nostra parte: personalmente, nella mia funzione di coordinatore e di tramite con le reti nazionali mi sono battuto e mi sto battendo per far approvare le nostre proposte e per riconquistare una linea di produzione radiofonica ad una Sede che è sempre stata specializzata nella radiofonia di qualità.
Mi attendo però che anche le istituzioni, a cominciare dalla Regione e dai Comuni facciano la loro parte. Il che non significa affatto finanziamenti: significa interesse istituzionale per le nostre attività, significa chiedere alla Rai di potenziare la funzione produttiva di Firenze: significa, insomma non concentrare tutta l’attenzione sull’informazione –come avviene attualmente- ma capire che la valorizzazione del sistema Toscana passa per i programmi culturali, di intrattenimento, per i documentari e le fiction. Cosa che finora, francamente, non mi sembra sia stata molto compresa mentre altre Regioni hanno battuto assai di più questa strada.
Gabriele Parenti