adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.6 - DICEMBRE 2002

                     31/12/2002 - FIRENZE E I NO GLOBAL

<<<

FIRENZE E I NO GLOBAL
di Alberto Trifoglio

L
'arrivo della manifestazione dei no global a Firenze ha creato pareri favorevoli ma anche paure. In centro a Firenze, dove io lavoro, il dibattito tra i cittadini, in particolare i commercianti, era molto acceso già molte settimane prima dell'evento: cosa succederà? ma chi ha avuto in mente una cosa del genere? spaccheranno tutto come a Genova? e chi più ne ha più ne metta e su queste paure che forza Italia ha giocato le sue carte minacciando richieste di danni da parte dei commercianti e attaccando palazzo vecchio come non mai approfittando di questa manifestazione per sperare nel caso di incidenti di ribaltare il governo della città. Io che attraverso ponte vecchio quasi tutte le mattine per andare nel mio ufficio nel centro della città mi domandavo con tutto lo schieramento di polizia come potevano azzardarsi presunti vandali no global a sfondare vetrine o imbrattare monumenti sotto gli occhi delle nostre forze dell'ordine, ma quasi tutti i proprietari delle gioiellerie di ponte vecchio hanno comunque pensato bene di chiudere....... addirittura tre giorni prima del temibile sabato in cui dovevano arrivare le "onde barbariche dei no global".
Mi domando io :potevano tenere aperto, con lo schieramento di polizia che c'era penso che si potesse stare più che tranquilli ma evidentemente è stata presa una decisione premeditata per far si che la perdita economica fosse palese, perché costretti a chiudere per paura di.... Forse sarebbe meglio che lo dicessero loro visto che io non riesco a capirlo(forse ci direbbero che è meglio aver paura che toccarne).Il negoziante deve stare vicino al suo posto di lavoro nei momenti che crede difficili e se lui è dentro credo che nessuno con anche la polizia fuori, entri e porti via la merce esposta.
Credo che abbiano combinato più danni le scolaresche che lasciano righe sulle vetrine che le migliaia e migliaia di manifestanti che hanno poi portato in tutta Europa una immagine positiva di Firenze in cui penso torneranno anche con i propri figli comprando forse anche oggetti di artigianato toscano. Grazie sig. Sindaco di Firenze, grazie presidente Martini che tanto coraggio ed intelligenza avete dimostrato, grazie alle forze dell'ordine che sono nostre, del popolo, grazie al questore, al prefetto e diciamolo pure anche al ministro dell'interno che si è dimostrato aperto al dialogo, grazie anche alla sorridente Stefania Ippoliti presidente della Confesercenti di Firenze che ha dimostrato coraggio a chiedere agli esercenti di tenere aperto per dare i servizi ai manifestanti e per dare un segno di apertura e accoglienza della città(a quanto risulta chi ha tenuto aperto ha fatto buoni affari).
Non possiamo dire grazie a quei personaggi che hanno soffiato contro la manifestazione esponendo manifesti da guerra civile nelle strade fiorentine con il tentativo di creare uno stato di tensione e di paura che avrebbe nuociuto soprattutto alla città di Firenze e di conseguenza alla sua amministrazione (era questo l'obbiettivo di forza Italia).
Credo che con tutti i progetti in cantiere l'attuale amministrazione renderà Firenze una città più moderna salvaguardando la sua fragilità di città piena d'arte e quindi "aperta" come lo è la cultura e la civiltà (ci guadagneranno anche i negozianti).
Alberto Trifoglio