adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.2 - APRILE 2010

                     4/5/2010 - TEMPO DI IMPARARE

<<<

UNA NUOVA DURA LEZIONE.....
E' TEMPO DI IMPARARE!
Di Marino Bianco

Anche i ballottaggi per i Sindaci hanno premiato il centro-destra: Mantova, la rossa, Vibo Valenzia, del contrasto alla 'ngrangheta, Pomigliano D'Arco, dei lavoratori della FIAT, comuni costituiti da vasti strati popolari e di ceto medio.
L'astensionismo (divenuto più che consistente -il secondo partito!-), che nel passato ha di certo penalizzato le formazioni di centro-destra, oggi ha inciso anche e non poco sul centro-sinistra, che avrebbe dovuto approfittarne, se la tendenza fosse rimasta quella del passato.
Un ulteriore campanello d'allarme: ormai la indifferenza e la disaffezione alla politica colpiscono ovunque.
E' fuorviante parlare retoricamente - come qualcuno fa – di “sostanziale pareggio” o addirittura di “cambiamento del vento” (con impropri confronti col voto delle elezioni politiche o europee, piuttosto che con quello delle precedenti regionali); ovvero consolarsi col mettere in rilievo il successo della Lega di Bossi e con l'ipotizzato maggiore potere contrattuale di questa sul PDL di Berlusconi (cosa cambia in meglio, e, dall'altra parte, non c'è il successo dell' IDV di Di Pietro, che pretende la guida morale e politica della coalizione?); o magari dare la colpa dell'insuccesso elettorale al “monopolio dell'informazione” allo “oscuramento dei talk show” (più spesso controproducenti), o alla par condicio (normativa voluta dal centro-sinistra e dichiaratamente avversata proprio dal Premier).
Il fatto è che, oltre alla conquista del Governo centrale con le ultime elezioni politiche, il centro-destra ha ora conquistato il governo delle Regioni più significative e con la grande maggioranza della popolazione, salvo il ...ridotto delle Regioni del centro Italia (nella più importante delle quali – l'Emilia Romagna – si avvertono, peraltro, preoccupanti scricchiolii, e nelle quali si registra la progressiva calata degli eserciti di Alberto da Giussano).
La Lega Nord, poi, va reclutando consensi in un bacino elettorale che in passato era buona riserva del centro-sinistra (operai, impiegati pubblici, giovani).
Dunque, onestamente e coraggiosamente occorre farsi carico della “sconfitta” anche se non di una “disfatta”, così come qualche più sincero e avveduto dirigente del centro-sinistra ha avuto occasione di correttamente commentare.
Diversamente, mal si imposterebbe l'auspicabile recupero: la lezione va accettata per quella che è, e della stessa va fatto tesoro.
Ma ne sarà capace soprattutto il PD?
Il contenuto della lezione è chiaro. Le forze riformiste – si dovrebbe dire: sedicenti, dal momento che fino ad ora hanno favorito la conservazione – in buona misura
hanno perduto il contatto con le pulsioni e i bisogni reali della gente, con le ragioni e la ...pancia della società civile; rimangono affette da obsolescenza e autoreferenzialità di mestieranti gruppi dirigenti; continuano a registrare vuoto di ideali e di programmi; hanno creduto di potersi alimentare, fondamentalmente e con esiti dimostratisi ...indigesti, con lo “antiberlusconismo” in ogni salsa, senza invece offrire progetti che non si risolvessero in una proposta di mera sostituzione nel potere.
Una vera alternativa di governo non può giocare di rimessa e con improbabili ...contropiedi (e, cioè, nella speranza delle defaiances altrui), ma svolgere un'offensiva chiara e convincente su contenuti conformi alle aspettative di chi si vuole rappresentare.
E' tempo di cambiare, ed in fretta. Se è vero – come c'è da sperare e come sollecita il Presidente della Repubblica – che si è aperta la stagione delle riforme, il centro-sinistra elabori e faccia conoscere le proprie specifiche e univoche proposte (sulla riorganizzazione dello Stato, sulla amministrazione della Giustizia, sul fisco, sul lavoro, sulla redistribuzione del reddito), non solo per confrontarsi alla pari col centro-destra oggi maggioritario, e magari per rilevarne e fare esplodere le intrinseche contraddizioni, ma soprattutto per definire una propria precisa e moderna identità, con la scelta senza riserve di quella necessaria innovazione istituzionale e sociale, che possa meglio fare conseguire, in un mondo cosiddetto “globalizzato”, gli obbiettivi di eguaglianza, di libertà, di solidarietà, di laicità, oltre che di democrazia formale, ai quali i riformisti debbono costantemente riferire ed ispirare la loro azione politica.
Marino BIANCO