adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2010

                     3/7/2010 - La crisi di chi?

<<<

di Rino Capezzuoli

60.000 italiani erano stamattina alle ore 6.00 allo stadio di S.Siro per festeggiare l’Inter vittoriosa in champions. Rispetto per il tifo e per i tifosi ma chiedo: possibile che questo paese si mobiliti per questo, di fronte ai tanti e drammatici problemi dell’Italia di oggi?
La battaglia per il cambiamento è in corso a tutti i livelli nel paese, ma è tutto molto contradditorio e sembra che non riuscirà a prevalere la parte migliore, comunque non c’è un disegno unitario di cambiamento.
Sta passando la convinzione che in Europa si vive al di sopra delle nostre possibilità Economiche. Su questo, tutti più o meno concordano ma chi si deve ridimensionare?
Chi deve pagare la crisi e chi ci ha ridotto così? Non sono domande retoriche perché dalle risposte che ognuno di noi dà a queste domande dipende il nostro futuro. Iniziamo da un dato di fatto ormai inconfutabile questa crisi è incontrollabile ed è solo all’inizio nessuno ha la ricetta per una adeguata risposta. Sarà comunque come sempre una lotta tra il bene ed il male tra gli onesti ed i disonesti, tra chi paga le tasse e chi le evade tra ricchi e poveri del mondo, tra pacifisti e guerrafondai insomma una linea trasversale indefinita che attraversa tutto l’universo. Ma poi ci sono le cose concrete. Infatti non è la stessa cosa tra diminuire del 10% lo stipendio di un parlamentare, che ne guadagna 11000-15000 al mese, ed il blocco degli stipendi e del pubblico impiego per 4 anni per ogni ordine e grado. Quando tutti ormai siamo concordi che sarebbe necessario tagliare almeno il 30 -50% degli impieghi pubblici cambiando norme e snellendo la nostra burocrazia che ormai ci sta uccidendo per soffocamento. Ma poi a queste persone cosa gli facciamo fare?
Già il lavoro che ormai non c’è più per nessuno, salvo inventarselo. E qui l’unica risposta possibile è l’economia locale di cui tutti, abbagliati dalla globalizzazione, ci siamo dimenticati il “lavoro”, dobbiamo crearcelo, nessuno ce lo può regalare e dobbiamo mettere in moto questo meccanismo ancora sconosciuto ai nostri disoccupati….giovani e vecchi….Dare valore aggiunto con la nostra creatività alla nostra cultura, ai nostri beni architettonici, alla nostra storia. Quante risorse non utilizzate ci sono intorno a noi !
Quanti sprechi si possono evitare cambiando modi e sistemi di produzione e di conseguenza i relativi consumi!
Quante finanziarie si potrebbero evitare con un buon piano di risparmio energetico!
E quante materie prime si potrebbero risparmiare con il riciclaggio dei rifiuti.
Ma poi c’è l’altra domanda: chi ci dà i mezzi, i soldi per fare questi cambiamenti?
Certo non il nostro sistema creditizio che finanzia gli sprechi ed è esso stesso uno spreco che produce ricchezza per pochi speculatori e miseria per i più.
Il Cambiamento è ormai inderogabile lo si può subire o lo si può determinare partendo da nostri comportamenti usando quell’intelligenza che ci dovrebbe distinguere dalle bestie.
Rino Capezzuoli