adv

AZIENDE, SERVIZI, NOTIZIE E INFORMAZIONE DAL MUGELLO E DALLA VALDISIEVE. NEWS MUGELLO E VALDISIEVE, NOTIZIE DALLA VAL DI SIEVE E NOTIZIE DAL MUGELLO. AZIENDE DI PRODUZIONE, COMMERCIO, SERVIZI, NEWS E INFORMAZIONI DALLA VALDISIEVE E IL MUGELLO. NOTIZIE, TERRITORIO, CULTURA, MODA, SPORT, AGRITURISMO, VINO, PRODOTTI TIPICI TOSCANI. AZIENDE DI PRODUZIONE E VENDITA. PUBBLICITÀ E MARKETING TERRITORIALE.

Home  |  WebMail

SIEVE NEWS

AZIENDE E SERVIZI

PER SAPERNE DI PIÙ

FOTOGALLERY

SIEVE WEB TV

CHE TEMPO FA?

ORARIO TRENITALIA

COMMUNITY

LINKS E UTILITA'

ABOUT US

SERVIZI E MARCHI

HOME PAGE

SIEVE NEWS - NOTIZIE ED EVENTI IN VALDISIEVE E MUGELLO

Circolo Fratelli ROSSELLI VALDISIEVE
Periodico Laburista NOTIZIE

A cura della Redazione  |  E-Mail: rosselli.valdisieve@alice.it

 

      LABURISTA NOTIZIE - N.3 - GIUGNO 2011

                     7/7/2011 - IL DIARIO DI E.T.

<<<

02.04.2011 L’on. Franco Frattini, ondivaga ombra del nulla, inopinatamente chiamato al rango di Ministro degli Esteri, forse in attesa dell’ arrivo della “signora” igienista mentale Nicole Minetti, che così buona prova di sé ha dato nella gestione dei rapporti internazionali fra il residence dell’Olgettina e Villa San Martino, ci fa sapere che sta lavorando, DA SOLO, ad un piano per porre fine alla guerra in Libia.
Io penso, a questo punto, che sarà una guerra lunga. A meno che lui non riesca laddove non è riuscito il Caimano: a “disturbare Gheddafi”!

08.04.2011 Alcune riflessioni, conseguenti l’una e all’altra.
- Se questo è un uomo (Primo Levi).
- Un profugo è un uomo? Sicuramente sì.
- Un clandestino è un uomo? Sicuramente sì.
- Perché, allora, uno può essere trattato “umanamente” e l’altro, invece “disumanamente”? Uno assolto e l’altro respinto? Bossi (För de ball) e il piccolo – nazi Maroni sono razzisti? Sicuramente sì.
- Un razzista è un uomo? Sicuramente no. E Berlusconi che ha voluto e firmato la Bossi – Fini ?
- Il vero cristiano è anti – berlusconiano (Mons. Raffaele Nogaro vescovo emerito di Caserta).

17.04.2011 Abbiamo passato alcuni dei giorni più bui e vergognosi dalla Fondazione della Repubblica. Un parlamento umiliato e servile, sotto la guida di due pi-duisti mai pentiti, ha dapprima conclamato che la signorina Ruby era la nipote di Mubarak, poi ha approvato una legge – processo breve – che infanga la memoria di tante vittime innocenti – Viareggio, L’Aquila …. – ed affossa il diritto dei parenti ad avere GIUSTIZIA. Nel frattempo, un pacifista italiano – Vittorio Arrigoni – veniva massacrato a Gaza City dove altro non faceva che difendere la vita delle donne e dei bambini palestinesi, raccontando la VERITA’ sulle condizioni nelle quali vive quella povere gente, ivi comprese le rappresaglie israeliane – vedi operazione PIOMBO FUSO.
E gli italiani? INDIFFERENTI, salvo poche eccezioni.
Scriveva Don Milani: “A cosa ti serve avere le mani pulite, se poi le tieni in tasca”? Uno scritto giovanile di Antonio Gramsci (1918) si intitolava “Odio Gli INDIFFERENTI” ma, si sa erano due comunisti, o pressappoco, non è vero?
E, poco dopo, arrivò il fascismo; cosa deve ancora succedere per farvi INDIGNARE?

08.05.2011 Art. 15 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo: Ogni individuo ha diritto a una cittadinanza:
“Ai giovani dico: guardatevi attorno, e troverete gli argomenti che giustificano la vostra indignazione; il trattamento riservato agli immigrati, ai sans papiers, ai rom. Troverete situazioni che vi indurranno a intraprendere un’azione civile risoluta. Cercate e Troverete!”
Stéphane Hessel, anni 93!

09.05.2011 Oggi, anniversario del ritrovamento del corpo di Aldo Moro in via Caetani, è stato dichiarato, giustamente, Giornata della Memoria delle Vittime del Terrorismo. E quest’anno, più che giustamente, il Presidente Napolitano ha voluto fosse dedicato al ricordo di quei magistrati - ventisei -, che caddero assassinati dalle Brigate Rosse.
Per il Caimano, i p.m. milanesi sono invece un cancro da estirpare, così come Falcone e Borsellino facevano parte di una specie “antropologicamente diversa”. Certo, occorre essere davvero ridotti male per avere un simile presidente del consiglio. Ma, se lo vuole il popolo…. C’è di che pensare che razza di popolo è il popolo italiano? Ha ancora la forza di rialzare lo sguardo verso il futuro? Speriamo di Si?

12.05.2011 In paese, incontro un amico. Sapendo come la pensa, gli chiedo prima di tutto se stamattina SI E’ LAVATO. Sorride, e parliamo un po’ di politica. Di fronte al mio pessimismo per le elezioni di domenica e lunedì prossimi, mi risponde che questa volta non sarà così perché la gente è nauseata da certi comportamenti: Gli dico: sarà anche nauseata, ma non VOMITA, - intendo per vomita voti nella giusta direzione.
Sorride di nuovo e mi saluta con un: vedremo.

30.05.2011 “eran las cinco en punto de la tarda” quando, scaramanticamente, ho acceso la TV su RAI 3. Ho visto ed udito che abbiamo colto una (inattesa?) GRANDE VITTORIA alle elezioni amministrative. Rendo quindi omaggio, prima di tutto, all’amico di cui sopra ed al suo fiuto politico: la nausea si è tradotta in voti!
Per quanto mi riguarda, oltre ad essere naturalmente contento, preferisco guardare subito al futuro: prima di tutto ai referendum del 12 e 13 giugno, sperando che non ce ne scippino nessuno, e dopo lavorare tutti insieme per mandare a casa il peggior governo che abbia avuto il nostro paese da tempo immemorabile.
Però, ricordiamoci bene: “NIHIL SINE MAGNO LABORE”! (niente si ottiene senza fatica). Bartolomeo Ammannati.
Termino, cavallerescamente, con un pensiero sulla petroliera esperta in colpi bassi sul suono del gong: DE MORTUIS NISIBONUM (dei morti – anche politici – non si parla che bene)!

06/06/2011 Da un mio breve viaggio a Praga, città bellissima e giustamente strabica – un occhio rivolto ad una OTTIMA conservazione del passato e l’altro ad una pragmatica visione del futuro, ho tratto alcune considerazioni. Ve ne propongo due:
- nei seicento e passa kilometri di autostrada da Monaco a Praga, rarissime auto FIAT in un mare di vetture, anche nuovissime, di tutte le altre marche, e non solo tedesche;
segno di una totale mancanza di uscita di nuovi modelli FIAT. Che il signore col maglioncino sia davvero un metalmeccanico, come ama definirsi, o invece solo un banale finanziere? Le quote di mercato FIAT, in crollo verticale sia in Italia che all’estero, propendono al momento nettamente per la seconda ipotesi.
- tutta la periferia di Praga è collegata al centro, oltre che da tre linee della metropolitana, da una ragnatela di tranvie per, attualmente, oltre 80 Km con vetture anche modernissime. Paragoni con Firenze? Meglio tacere, e magari, privatizzare l’ATAF !
Good night and good luck!
E.T.