Domenica 23 novembre una visita guidata per conoscere i luoghi di Firenze da lui realizzati.

PELAGO – Un progetto per ricordare Cosimo I de’ Medici come protagonista della storia della Toscana. Il Comune di Pelago ha aderito al bando proposto dalla Regione Toscana in occasione del quinto centenario dalla nascita di questo illustre personaggio. Per rendere onore a Cosimo I il comune di Pelago ha pensato a tre fasi progettuali ognuna rivolta ad un pubblico diverso.

Il primo appuntamento è dedicato agli alunni delle Scuola Primarie di Pelago e San Francesco il 21 e 22 novembre. Tramite uno spettacolo di burattini dal titolo “C’era una volta Cosimo I”, si andrà a raccontare la sua storia, soffermandosi in particolare sulla vicenda umana del personaggio e quindi sulle sue relazioni con la famiglia, con l’amata moglie Eleonora di Toledo, con i figli ed i suoi artisti di corte.

Sarà dedicato agli adulti (giovani e famiglie con bambini) la seconda parte del progetto che è prevista per sabato prossimo 23 novembre alle ore 15 con ritrovo in piazza San Lorenzo a Firenze (di fronte alla Chiesa) e prevede una visita guidata nella città di Firenze per riscoprire i luoghi voluti da questo esponente dei Medici e l’assetto urbanistico che la città ha assunto grazie agli importanti cantieri da lui promossi come, ad esempio, l’ampliamento di Palazzo Vecchio, gli Uffizi e il Corridoio Vasariano. Per partecipare alla visita, gratuita per tutti i cittadini di Pelago è necessario prenotarsi alla seguente email: info@comune.pelago.fi.it.

Ultimo “step” dell’iniziativa sarà un convegno dal titolo “Tradizione orafa nella Firenze di Cosimo I” previsto per il 15 dicembre. Il Comune di Pelago, patria del Ghiberti, sta già lavorando alla riscoperta delle tradizioni orafe ed artigianali del passato con l’obiettivo di porre l’attenzione sullo scenario artistico dell’epoca di Cosimo I, ed, in particolare, sullo straordinario lavoro degli orafi di corte, come ad esempio Benvenuto Cellini, nella produzione di statuaria bronzea e gioielli per la famiglia Medici e la nobiltà cittadina. Si evidenzierà quindi il ruolo di mecenate di Cosimo I. Interverranno al convegno esperti che inquadreranno il periodo storico artistico fornendo spiegazioni più tecniche sulla realizzazione di statue in bronzo e gioielli.


“Cosimo I de’Medici è una figura fondamentale per la storia della Toscana – afferma l’Assessore alla Cultura del Comune di Pelago Debora Tini – e purtroppo molto spesso dimenticato a favore dei suoi più illustri predecessori (Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico). Come Comune abbiamo deciso di partecipare al bando indetto dalla Regione Toscana in occasione del quinto centenario della nascita, attraverso l’organizzazione di una iniziativa divisa in tre momenti distinti in grado di consentire a tutti i nostri cittadini di far riscoprire la figura del Granduca sotto vari punti di vista”.

cosimo de medici 1