Videosorveglianza: la Regione cofinanzia il progetto di Borgo San Lorenzo
6 nuove postazioni, 8 telecamere

Con il progetto cofinanziato dalla Regione Toscana, 25mila Euro a cui si sommano i 15mila Euro di risorse comunali, arrivano a 19 le telecamere per la videosorveglianza di Borgo San Lorenzo.

Una rete a cui si aggiungono gli impianti di monitoraggio dei transiti che controllano le quattro principali vie di accesso di Borgo San Lorenzo, su Sr302 e su Sp551, e le fototrappole per il contrasto all’abbandono dei rifiuti.

Il nuovo progetto prevede che siano allestite sei nuove postazioni attive 24 ore su 24, Piazza Dante, Via Don Minzoni, Oasi del Sorriso, Viale Pecori Giraldi, Piazza Alpigini, Foro Boario, che vanno ad aggiungersi alle 11 telecamere che coprono già le zone tra Via Giotto, Piazza Dante e Via Giovanni della Casa, il Parco Pertini, la zona della Polizia Municipale. A queste si aggiunge l’implementazione della rete da un punto di vista impiantistico e logistico.

Un controllo del territorio capillare che supporta il lavoro della Polizia Municipale del Distretto di Borgo San Lorenzo nel corso di pattugliamenti mirati, come quelli sulla sicurezza stradale. Nel 2019 sono stati 36 i servizi di verifica delle segnalazioni derivanti dalle telecamere di controllo del traffico che hanno portato a elevare 34 sanzioni per mancata revisione e 17 per mancanza di assicurazione, in questo caso seguite da sequestro del mezzo.


Anche in materia di abbandono rifiuti il capillare e scrupoloso impegno della Polizia Municipale è stato supportato dalle fototrappole, 61 i verbali registrati nel 2019.

“La sicurezza si fa riqualificando gli spazi, – afferma il Sindaco Paolo Omoboni – come abbiamo fatto al Parco della Misericordia Sandro Pertini o alla Stazione FS, favorendo apertura di nuove attività con l’esenzione dei tributi comunali e anche dotandosi di strumenti che permettono di controllare e prevenire. Dopo le telecamere già presenti nel nostro Comune, con il nuovo progetto finanziato, grazie all’investimento della Regione voluto dall’Assessore Bugli, ne saranno installate di nuove, attive sia di giorno che di notte, e che saranno collegate in diretta con la centrale della Polizia Municipale”.