Un brutto gesto nei confronti dell’intera comunità a pochi giorni dalla conclusione del Premio
Danneggiata una delle opere del Simposio di Scultura
Si confida di recuperare l’opera che dovrà andare a “Del Bosco e dalla Pietra”, poi in Palazzo dei Vicari a Scarperia”

Un brutto risveglio per la Pro Loco di San Piero a Sieve e per l’intera cittadinanza del paese mugellano. Una delle opere che nelle settimane precedenti ha partecipato alla diciassettesima edizione del Simposio di Scultura, che attendeva presso il Parco “Antonio Berti” di essere trasportata a Firenzuola per essere esposta durante l’evento “Dal Bosco e dalla Pietra” e poi essere definitivamente collocata nell’atrio del Palazzo dei Vicari di Scarperia, è stata danneggiata nel corso della notte. Si tratta dell’opera “Natura di Confine” di Claudia Zanaga, alla quale sono stati spezzati e staccati dai propri perni alcuni degli elementi in marmo di Carrara, che l’artista aveva posto in questo ideale paesaggio a rappresentare una serie di alberi.

“Anche se confidiamo di recuperare l’opera, dice il presidente della Pro Loco di San Piero a Sieve, Sauro Bani, riparando al danno fatto da questi vandali, crediamo che una riflessione vada fatta. Sciupare espressioni artistiche, vandalizzare l’area feste che deve essere luogo di incontro e condivisione, è un gesto che va contro tutta la comunità. E che deve far riflettere sulle cause di questo disagio. Ci auguriamo, e facciamo un appello, che il responsabile o i responsabili, abbiano il coraggio di metterci la faccia, anche semplicemente venendo a chiedere scusa, e che le famiglie, se di ragazzi si tratta, prendano l’occasione per trasformare un brutto episodio in una occasione di crescita e di civismo”.

Fonte: Ufficio Stampa Pro Loco San Piero a Sieve - www.prolocosanpieroasieve.it