Le favole esistono nonostante il periodo buio quanto tragico che stiamo vivendo a causa della grave pestilenza del coronavirus.

Dall’altra parte, è ovvio che si debba pensare anche al domani. Dopo tanto sgomento e distruzione si dovrà far capo a un nuovo Rinascimento. Di questo, appunto, si tratta.

In questo anno corrente si celebra il 500enario della morte del grandissimo artista di Urbino, Raffaello Sanzio e fra le tante annoverate celebrazioni che si spera possono avere luogo il prima possibile, è stato messo in ponte con la collaborazione di alcune potenti organizzazioni cinematografiche di Hollywood, il film “Raffaello” ovvero una straordinaria rappresentazione del cinema di genere storico quanto “viscontiano” dei nostri giorni.

Partendo da questo e dal suo recente viaggio a Los Angeles, Raveggi il funambolico regista toscano, ha incantato con il suo prospetto di progetto, gli esperti del settore e anche diverse “star” fra l’altro produttori oltreché artisti, lasciandoli letteralmente folgorati da idee di spettacolarizzazione di scenografie, scene, costumi e magnifiche location storiche della nostra magnifica Italia.

Toscana, Lombardia, Umbria, Marche, Emilia Romagna (Raveggi ha già parlato con la proprietà del bellissimo castello di Gropparello in provincia di Piacenza), Campania, Lazio e Puglia, saranno lo snodo focale per rimettere in luce i nostri preziosi tesori.


Biopic, Action-Romantic, Drama, il tutto produrrà allo spettatore veri e propri dipinti in movimento.

La sartoria L’Arlecchino di Perugia curerà con il regista i magnifici costumi. Mentre il comparto cast sarà costellato di “stelle” da capogiro.